La Azzolina fissa nuove norme per le mense scolastiche. Sono inapplicabili ed è nuovo caos

Fabrizio c'è Politica
Dopo i banchi con le rotelle una nuova minaccia incombe sugli studenti italiani e milanesi: la Ministra della Pubblica Istruzione Azzolina ha siglato un accordo sindacale molto dettagliato che obbliga a servire milioni di  pasti già monoporzionati e ricoperti con pellicola.  In pratica le mense scolastiche dovrebbero preparare dei lunch box.
Questa misura rende impossibile servire i 75000  piatti caldi che ogni giorno vengono serviti agli studenti di nidi , materne ed elementari di Milano.
Preparare 75.000 pasti caldi in condizioni di sicurezza è un processo industriale, non si può ragionare come se fossimo da un sushi! Le mense sono organizzate  con cucine che inviano contenitori sigillati ai refettori dove i pasti vengono serviti nei piatti. È così da anni. E non risulta che questa modalità renda possibile la trasmissione del Covid.
Ancora una volta la Ministra Azzolina non ci ha  pensato molto prima di firmare un accordo che condiziona i servizi per milioni di studenti. Ora si attendono le reazioni dei Comuni che erogano i servizi. Alla fine, come è  già successo, il Ministro farà marcia indietro e dirà di non essere stata compresa…Ancora una volta però questa mossa porterà ritardi e disagi e c’è da scommettere che prima di metà ottobre le mense non funzioneranno e le famiglie dovranno arrangiarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.