Alberi moribondi e clochard al crepuscolo della dignità

Milano

Il puzzle di Milano fa emergere e sottolinea il puzzle di una visione gestionale contradittoria spesso carente di interventi, miope e insufficiente. Non è tornata come prima oggi che ci si arrampica sulla normalità a cui nessuno sa dare un contenuto. E guardando alcune “tessere”  c’è insistente una sorta di decadenza che risveglia vecchie ferite, aggiunge nuova incuria, declina tristezza. Non è solo colpa del Covid se nel quadrilatero della stazione Centrale, in via Vittor Pisani, gli alberi sono moribondi, senza volontà. Rinsecchiti come gli alberelli decorativi nelle piazze riqualificate, secondo Sala, da due panchine e tanti colori vivaci pennellati sull’asfalto.  Le erbacce vincono spazi sempre più ampi, la sporcizia e il disordine rivelano sciatteria.

Un’anarchia che alimenta il crepuscolo della dignità di tanti clochard, ammassati nel sottopasso, fantocci colorati di cartone e di stracci, praticamente inesistenti nella visione della rinascita. Là, era stata promessa da Sala e Maran, un’accoglienza di aiuole vezzose, un sorriso promettente per chi arriva. Ma i bivacchi senza rispetto delle regole hanno trovato il loro humus, lo spaccio e la violenza trionfano, il degrado umano si mescola al degrado ambientale. Gli alberi preferiscono, forse, morire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.