Cara Milano ti scrivo: “M’hann robaa el temp”

Vecchia Milano

Cara Milano ti scrivo per dirti che il tempo che mi hai rubato sarà, spero, un incidente di percorso, una brutta pagina da dimenticare.  Scrive Renato Colombo sul sito “Parliamo dialetto milanese?”

M’hann robaa el temp

Ghe tanti maner de robà, vess lader

in gener vun el ròba di danee

gioiei, di repert antigh ò di bei quader

gh’è poeu anca quei che ròben la miee,

ma mì m’è mai success, mai capitaa

de vess a stà manera derobaa.

Te voeuret savè come? Stamm attent!

Quell che m’hann robaa, portaa via! El temp.

Trii mes con la scusa de la pandemia

trii mes che purtròpp tornerann pù

in doe el mond l’ha cambiaa fisonomia

in doe emm scoverciaa bruttur e virtù

doe a gh’è vegnuu foeura pregi e difett

per quest mì te disi, brutt virus maledett.

Che come tutt i alter te vegnet da la Cina

e mì speri in la mia, la nòstra, Madonina.

 

 

Ma non chiederemo i danni, il tempo è forse un’opinione, una memoria, un’emozione. Un pezzo di vita che ciscuno custodisce, nutre con gli affetti, ammira nei momenti magici o dolorosi della Vita. Alla mia età il tempo è stato così veloce…quasi un lampo. Ma annegare nella Vecchia Milano fa ringiovanire il cuore. Ma sì, un caffè alla Pasticceria Cucchi, una passeggiata al Naviglio Grande per scoprire e ricordare il canto di Alda Merini, una pausa sotto quell’albero in piazza Sant’Agostino per sognare quel lungo conversare d’amore e annegare nei colori di Brera dove gli incontri profumavano d’arte. Se potessi farmi restituire il tempo..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.