Multe non riscosse, Sardone: “Ammanco di 248 milioni in un anno e mezzo: ecco gli effetti delle multe selvagge”

Milano

“In tutto il 2018 e nei primi sei mesi del 2019 si è prodotto un ammanco di 248.636.638 euro nelle casse del Comune di Milano a causa delle multe non riscosse: 168 milioni per tutto il 2018 e 79 milioni per il primo semestre del 2019. Parliamo di cifre importanti che altro non sono che gli effetti delle multe selvagge della giunta Sala. Ztl e ciclabili nascoste, assenza di parcheggi, limiti di velocità impossibili da rispettare: prendere una multa nella nostra città, soprattutto per chi viene da fuori e non conosce le zone, è praticamente scontato. Questa crociata anti-auto della sinistra, però, spinge decine di migliaia di persone a non pagare le sanzioni. Sia chiaro: le regole vanno rispettate e le multe pagate, però il Comune cominci a farsi due domande su questi numeri così magari capisce che è dannoso vessare gli automobilisti”.

Così Silvia Sardone, europarlamentare e consigliere comunale della Lega. “Faccio notare, come nel caso delle multe degli autovelox, che i dati forniti dal Comune alle mie interrogazioni spesso e volentieri sono discordanti. Per esempio, riguardo l’anno 2018, l’anno scorso mi era stato risposto che l’ammanco era di 68 milioni, mentre quest’anno – sempre riferendoci al 2018 – l’ammanco segnalato tocca i 168 milioni. Nel 2017, invece, ci sono state violazioni non riscosse per oltre 79 milioni di euro: a distanza di due anni, per quanto riguarda il 2019, parliamo di una cifra quasi identica ma riferita a soli sei mesi. Se il trend sarà simile, nel giro di due anni avremo un raddoppio delle mancate riscossioni. Non possiamo che constatare come il mancato incasso di tutti questi soldi sia un danno, visto che dovrebbero essere impiegati per migliorare la sicurezza stradale e per fare manutenzione. Invece a ogni pioggerella spuntano crateri e voragini sull’asfalto…”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.