Ambulanti manifestano, Sala su Instagram con un paio di bermuda, ma arriva l’accordo: apertura tutti i mercati il 25 maggio

Milano

Gli ambulanti gridano la rabbia in Piazza Scala davanti a Palazzo Marino ieri mattina “Lavoro, lavoro”, “Basta, vogliamo lavorare”, “Ci avete rovinato“. Vogliono tirare su le maniche e faticare, con il rispetto che si deve al lavoro, a quel produrre che è mangiare, crescere i figli, magari una pizza, un film. Vogliono per così dire sporcarsi le mani nei mercati, nelle fiere, ma vogliono regole certe, imporre la loro categoria all’attenzione.

Ma come, i negozi sono aperti, lo shopping è possibile, nonostante le difficoltà di molti, nonostante le chiusure dell’attività. Per dire che il re, là a Palazzo Marino, rappresentante di un primato nel mondo del marketing, posta su Instagram una foto che lo ritrae in un negozio di abbigliamento con dei mutandoni, pardon bermuda, naturalmente con la mascherina. Evviva lo shopping per Sala che non compra sicuramente i bermuda al mercato. E poi a che servono i bermuda? Ad andare al mare? E chi ci va al mare con l’aria che tira? Dimenticavo Sala lavora, ma lavora tanto per polemizzare, ignorare la realtà di chi il lavoro lo conosce dalla nascita, realizzare il chiodo fisso delle piste ciclabili e che importa se la viabilità diventa un caos. Forse quei mutandoni sono la bandiera della rinascita o la solita scelta radical chic?

Per la cronaca dall’assessore Tajani c’è stata la promessa di predisporre un piano di aperture per tutti i 96 mercati cittadini entro lunedì prossimo, 25 maggio. “È l’accordo a cui è arrivata una delegazione di venditori ambulanti e fieristi durante l’incontro, conclusosi lunedì pomeriggio, con l’assessore al commercio del Comune di Milano“ (Corriere) E speriamo che non sia un bluff.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.