“storieaportechiuse” raggiunge le 100 storie originali pubblicate al Museo Scienza Tecnologia

Cultura e spettacolo
  Contenuti inediti nel palinsesto e nuovi approfondimenti legati all’educazione STEM per gli insegnanti

Nuovi contenuti e approfondimenti scientifici su #storieaportechiuse il format digitale del Museo Nazionale Scienza e Tecnologia. Online sui canali FacebookInstagram e YouTube del Museo, #storieaportechiuse ha festeggiato le 100 storie originali pubblicate festeggiando con la pubblicazione di un video riassuntivo di tutti i contenuti.
Dalla pubblicazione della prima storia il format ha portato un incremento del +130% in termini di fanbase, utenti unici raggiunti e interazioni sulla pagina Facebook del Museo rispetto al periodo precedente, mentre il canale Instagram è cresciuto del +250% in termini di fanbase con oltre il 190% in più di utenti unici raggiunti e interazioni in aumento del +140% rispetto al periodo precedente.

Tra le storie del palinsesto fino a domenica 17 maggio, ci saranno racconti speciali: mercoledì 13 Barbara Gallavotti affronterà il difficile tema dei possibili effetti del Covid-19 sulla salute mentale delle persone; giovedì 14 sarà online la terza puntata dello straordinario viaggio del sottomarino Toti che, una volta giunto al Museo, verrà posizionato sulle selle che lo sostengono per dare inizio alla sua nuova vita; sabato 16 torneremo nelle profondità degli abissi alla ricerca delle grandi eliche che muovevano il Titanic; venerdì 15 ci lasceremo affascinare dalla vita di Marcella Pedone, fotografa documentarista di cento anni di storia italiana.
Non mancano gli appuntamenti quotidiani, dedicati a temi diversi: DIETRO LE QUINTE & I DEPOSITI ogni lunedì, EDUCATION & I.LAB il martedì, ATTUALITÀ il mercoledì, STORIA DEL MUSEO il giovedì, ARCHIVI & BIBLIOTECHE il venerdì e, infine, STORIE DALLA REALTÀ VIRTUALE il sabato e LEONARDO DA VINCI la domenica.

PALINSESTO #STORIEAPORTECHIUSE

martedì 12 maggio – EDUCATION & I.LAB
– Vivo o non vivo? (seconda parte)
Un peperone, una dentiera e un robot cavalletta cosa hanno in comune? Sono vivi o no? questa è la domanda che abitualmente poniamo ai nostri visitatori per introdurre temi come le biotecnologie e la robotica nei nostri laboratori interattivi. Come facciamo a definire che qualcosa è vivo oppure non lo è? Non esiste un’unica definizione di essere vivente, ma proviamo a metterci alla ricerca di una risposta esplorando e mettendo a confronto più punti di vista. La scorsa settimana lo abbiamo fatto giocando con l’installazione di Nicola Toffolini un giovane artista che ha lavorato con noi su questo tema e questa settimana sperimentiamo il punto di vista di un ricercatore informatico che studia come generare in un computer “creature” artificiali.

mercoledì 13 maggio – ATTUALITÀ
– La salute mentale ai tempi di Covid19
Barbara Gallavotti, giornalista scientifica e autrice di Superquark RAI si interroga settimanalmente su tematiche legate all’emergenza Covid-19. Questa volta parliamo degli effetti particolarmente temuti che potrebbero essere provocati dallo stress estremo nel quale ci siamo trovati, dalle difficoltà pratiche ed economiche e dallo stravolgimento delle nostre abitudini.

giovedì 14 maggio – STORIA DEL MUSEO
– Il Sottomarino Toti ormeggia al Museo: la posa sulle selle
Prosegue l’emozionante racconto del sottomarino Toti che, in questa terza parte del documentario, dopo il suo più improbabile viaggio, lungo 93 chilometri attraverso le campagne ed il capoluogo lombardo, si prepara ad ormeggiare al Museo.
Due plinti di cemento armato profondi 7 metri sono stati predisposti per evitare che le sue oltre 300 tonnellate possano sprofondare. La posa del sottomarino sulle sue selle è l’inizio della sua nuova vita museale.
Riviviamo quei momenti grazie ad alcune scene del documentario TV “Aldilà del mare – il sottomarino S-506 Enrico Toti e il suo museo” di Dario Barezzi e Giosuè Boetto Cohen, prodotto dal Museo nel 2005.

venerdì 15 maggio – ARCHIVI & BIBLIOTECHE
– Una fotografia lunga un secolo
Ci sono storie speciali: lo scorso 27 aprile Marcella Pedone ha compiuto 101 anni, cinquanta dei quali passati a fotografare. Sola, a bordo della inseparabile roulotte, a partire dal dopoguerra Marcella Pedone percorre l’Italia a caccia di scatti perfetti per documentare mondi oggi spariti. Si è inerpicata su montagne, ha vissuto tra pescatori e contadini, si è calata nelle miniere e avventurata in fabbriche e cantieri, documentando la trasformazione del Paese da società agricola a realtà industriale. Nel 2017 Pedone ha donato al Museo la sua banca immagini comprensiva di 170.000 scatti, insieme alle macchine fotografiche Rolleiflex, Hasselblad, Mamya e Nikon utilizzate per produrla. Ripercorriamo la straordinaria vita di Marcella Pedone insieme a Paola Redemagni, archivista del Museo.

sabato 16 maggio – STORIE DALLA REALTÀ VIRTUALE
 Titanic: “Un intreccio di metallo”
Proseguiamo con “Storie dalla realtà virtuale” – documentari in pillole a episodi girati all’interno di esperienze virtuali – con la terza puntata della serie “Titanic”. Torniamo al largo delle coste di Terranova in cerca del tronco di poppa del transatlantico che – trascinato dalle correnti – si è depositato sul fondale oceanico a quasi 600 metri di distanza dal tronco di prua e rivolto in direzione opposta. Il batiscafo ci porterà ad esplorare gli imponenti motori della sala macchine e a scoprire due delle tre grandi eliche che muovevano il Titanic ancora praticamente intatte. Dopo una breve escursione su un ponte esterno entreremo nel cuore del relitto per esplorare ciò che rimane delle cabine e dei locali comuni di seconda classe ormai collassati gli uni sugli altri.
Il video è stato realizzato utilizzando l’esperienza “Titanic VR” di Immersive VR Education su Playstation 4 con PSVR.

domenica 17 maggio – LEONARDO DA VINCI
– Leonardo da Vinci: disegno dell’argano per sollevare pesi
Mettiamo a confronto insieme a Claudio Giorgione, curatore Leonardo Arte e Scienza, due animazioni digitali realizzate negli anni dal Museo per illustrare uno studio del giovane Leonardo: il disegno di un argano per sollevare pesi tracciato a Firenze verso il 1478.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.