Presentata mozione urgente per sollecitare Ministro degli Esteri su rimpatrio di 7.000 italiani

Politica

Claudia Carzeri (F.I.): “siamo ben oltre la fase 2 ma il Ministro Di Maio non ha ancora sbloccato i rientri dei nostri connazionali, in particolare da Cuba” 

Dopo oltre 2 mesi dall’inizio della pandemia di Covid-19 sono più di 7.000 gli italiani ancora bloccati all’estero. In particolare, centinaia di italiani (di cui 118 si sono attivati sul gruppo Facebook “Italiani bloccati a Cuba), prima della chiusura dei confini, erano volati a Cuba per motivi di lavoro o di svago e sono ancora impossibilitati a rimpatriare. Per questo motivo la Presidente della V Commissione per territorio, trasporti ed infrastrutture, Claudia Carzeri ha presentato una mozione urgente al Consiglio Regionale: “Sono ancora troppi i nostri connazionali bloccati in altri Stati, separati dai loro affetti e senza certezze su quando potranno rientrare, con evidenti problemi economici dati dal prolungamento forzato della loro permanenza all’estero.”

“I voli, già pagati e programmati per il rientro in Italia – prosegue Carzeri – sono stati perlopiù cancellati, senza che venisse rimborsato il prezzo pagato per il volo. Ho seguito in prima persona la situazione degli italiani bloccati a Cuba: l’unico volo promosso dall’Ambasciata italiana a Cuba era programmato per il 30 Aprile scorso ed organizzato da un Tour operator messicano, ma con condizioni di viaggio insolite ed insostenibili: il costo del biglietto, pari a 1800€, poteva esser sostenuto solo tramite bonifico bancario o con ricarica ad una carta prepagata. Una procedura assai onerosa e che non garantiva un vero viaggio di rimpatrio.”Una mozione che impegna il Presidente Attilio Fontana e la Giunta Regionale a farsi portavoce presso il Governo, ed in particolare con il Ministro degli Esteri On.Luigi Di Maio, affinché l’Italia faccia ricorso ai fondi europei messi a disposizione per il rimpatrio dei connazionali.

“Il Ministro Di Maio – chiarisce Carzeri – non si è espresso sulle varie vicende dei nostri connazionali all’estero, soprattutto su quelli cubani che, nonostante la collaborazione abbia portato qui in Lombardia dei medici, non sia stato in grado di far rientrare gli italiani. Il Ministro non ha nemmeno utilizzato i fondi a disposizione, come fatto bene dai suoi colleghi europei, per coprire il 75% dei costi dei viaggi di rientro.”“Altri Paesi – conclude Carzeri – anche grazie a questi fondi, sono stati molto più preparati e convinti nel raggiungere l’obiettivo: aiutare i propri cittadini senza lasciarli soli in balia di una crisi mondiale. Infatti, con tale sistema, riferisce la stampa, sono rientrati in patria 30.000 tedeschi, 3.400 spagnoli, 2.257 austriaci e 2.470 belgi ma solo 1.000 italiani”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.