Nuove ambulanze, volontari eroi: questa la Lombardia con il cuore in mano

Lombardia

Sono ordinati obbedienti, rispettosi delle regole, ma con un cuore grande così, da superare l’egoismo e la paura. Sono i volontari, silenziosi, disponibili, garbati. Sono guerrieri in battaglia contro un nemico che non si vede, contro armi che non si conoscono. A Milano e nei più piccoli comuni, dove operano senza sosta oltre 50 mila volontari a supporto del 118 nella gestione delle emergenze sanitarie. Persone che, ogni giorno da almeno due settimane, con grande spirito di sacrificio si spostano a bordo delle loro ambulanze per essere presenti laddove la situazione si fa più critica. Disagi, pericoli, ma sono spinti da volontà e speranza. Un plotone di coraggio, eroi attuali forse non sempre compresi «Abbiamo fatto un ordine da 100 mila mascherine, ma sono state sufficienti solo per i primi giorni di emergenza. Tanto che stamattina abbiamo dovuto fare un nuovo ordine cercando di reperirle attraverso ovunque», racconta il presidente di Croce Bianca Faps, Vincenzo Tresoldi a Libero. Nonostante le difficoltà, però, anche i 7500 volontari che fanno capo a questa organizzazione non hanno smesso di darsi da fare. «C’è stato chi ha avuto qualche dubbio pensando a sé e alla propria famiglia, ma poi ha prevalso l’istinto e il desiderio di fare la propria parte». Le persone interessate hanno esperienza, formazione, consapevolezza. II servizio sanitario lombardo, per i prossimi due mesi, potrà impiegare per le emergenze altre 45 ambulanze, che vanno ad aggiungersi al numero ordinario, così da poter sostenere le necessità straordinarie del momento

Semplicemente grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.