Per un pezzo di ascensore…

Milano

Che l’efficienza di MM nelle riparazioni non sia Teutonica è ampiamente dimostrabile. Ma di recente stiamo assistendo ad un aumento delle segnalazioni. Ritardi, mancati lavori, situazioni invivibili. Personalmente ho una pila di almeno venti problemi, tutti concentrati in un solo stabile. Eppure le situazioni più gravi si verificano in via Fleming, come riporta l’infaticabile consigliere Franco Vassallo.

““…..questi ascensori non s’hanno da riparare, né domani, né mai…..” avrebbe detto Alessandro Manzoni in visita alle case gestite da MM.

Come consigliere del Municipio 7 e presidente della commissione Casa, devo purtroppo rassegnarmi al continuo disinteresse ai problemi degli inquilini da parte del gestore.

Il problema degli ascensori e del riscaldamento sono fondamentali se non essenziali per la salute degli anziani che vivono nelle case del Comune.
Sono oramai anni che negli stabili gestiti da MM si attende maggior efficienza e controlli nelle riparazioni degli ascensori, senza dover aspettare per mesi i pezzi di ricambio che sembrano arrivare da chissà quale pianeta.
Il caso emblematico di questi giorni è proprio in via Fleming 19 scala B, palazzo di 9 piani, dove una famiglia con la presenza di un disabile è costretta per uscire di casa a richiedere l’intervento della Croce Rossa, per accompagnare la persona disabile su e giù per le scale.

Questa processione si ripete quotidianamente ogni giorno da metà dicembre, solo perché non sono reperibili i pezzi.

Intanto siamo arrivati a fine febbraio, quasi 3 mesi di fermo dell’unico ascensore presente nel palazzo.
Queste episodi si ripetono frequentemente ed ogni giorno.
Occorre che il gestore capisca una volta per sempre che un’ascensore guasto significa sequestrare le persone anziane in casa, senza dagli neanche la possibilità di fare la
spesa.
Sarebbe ridicolo che in campagna elettorale, tutti questi ritardi per incanto spariscano, sarebbe una buona presa in giro a discapito degli inquilini, il tutto per una manciata di voti.”

Capite anche voi che continuare così sia difficile. Ma è possibile che si sia passati da Aler a questo?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.