La sinistra si trastulla con soluzioni “gretine” e frena il teleriscaldamento

Fabrizio c'è Milano
Milano pagherà a lungo la incapacità e le strategie sbagliate della sinistra in materia ambientale.
Ecco un esempio di cosa si poteva fare e non si è fatto mentre Sala e Pisapia perdevano tempo e soldi con Area B, Area C e Domenica senza auto.
Dai primi anni 2000, grazie al centrodestra, Milano ha un termovalorizzatore che produce calore. Con questo  si poteva portare energia nelle case dei milanesi.
Il Comune gestito dalla sinistra però non ha creduto in questa metodologia pulita forse perché é contro i termovalorizzatori. E cosi, nonostante la fornitura sia erogata da una società comunale, il teleriscaldamento serve solo il 10% delle case milanesi.
È assurdo che il Comune non agevoli con sconti tariffari, procedure accelerate e incentivi fiscali questa modalità di riscaldamento pulito. Tra l’altro  si potrebbe immettere nei tubi del teleriscaldamento anche il recupero del calore di scarto che potrebbe far fronte al 30% del fabbisogno di riscaldamento della città.
Il Comune ha in casa la soluzione all’inquinamento ma continua a prendere provvedimenti emergenziali e inefficaci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.