A Rubattino okkupare è diventato un diritto umanitario

Milano

La sinistra milanese ha messo da anni a disposizione dei rom l’intero territorio della periferia est milanese, garantendogli totale protezione.

I residenti dei quartieri Crescenzago, Feltre, Lambrate e Ortica subiscono da anni l’inciviltà di persone che vivono nella becera anarchia anti sociale.

A Rubattino, i consiglieri di Municipio 3, gli hanno assicurato la libertà di accamparsi, di accendere fuochi, di cucinare, di orinare e defecare, di dormire con i loro materassi (che nascondono nei tombini comunali), tutto in nome dei diritti umanitari che il Presidente Caterina Antola gli ha riconosciuto pubblicamente.

Il risultato di questo buonismo ricade su chi non accetta di vivere in un luogo deturpato dai rifiuti, nell’olezzo dell’urina e delle feci disseminate tra i camminamenti e il prato del Parco del quartiere.

Una situazione deprimente offuscata dai sondaggi che decretano gradimento all’operato del Sindaco Beppe Sala.

Scusate la crudezza delle immagini ma è bene che vediate anche voi come ci costringono a vivere.

Lambrate informata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.