Per dare contentini alla sinistra radicale Sala opera la “scissione dell’atomo”

Milano

 “L’ultimo valzer di poltrone della giunta Sala ha generato un quadro surreale: neppure i suoi oppositori, in un tentativo di sabotaggio, avrebbero saputo fare di meglio. Anziché alleggerire – come logica vorrebbe – l’assessorato di Marco Granelli (scorporando la delega alla Mobilità da quella ai Lavori Pubblici) il sindaco ha optato per la scissione dell’atomo, sottraendo all’assessorato all’Istruzione la sola delega all’Edilizia Scolastica. Risultato: due micro assessorati che si depotenziano a vicenda, mentre chi già oggi annaspava a causa delle troppe deleghe finirà per sprofondare del tutto” Il commento è di Gianluca Comazzi, consigliere comunale e capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale. Secondo l’esponente azzurro “In questo scenario alla Aldous Huxley Paolo Limonta – al quale auguriamo comunque buon lavoro – va a collocarsi nella casella destinata alla sinistra radicale, lasciata libera da Majorino. Che tipo di competenze abbia quest’ultimo in materia di edilizia scolastica resta un mistero. Parafrasando almeno in parte Mao Zedong – conclude Comazzi – possiamo dire che grande è la confusione sotto il cielo: la situazione è disastrosa”.

“Il sindaco Sala si dimostra sempre più simile al collega De Magistris nelle scelte politiche, come conferma la scelta di nominare assessore all’Edilizia Scolastica il compagno Paolo Limonta. Penso che più che poltrone e contentini alla sinistra radicale, per sistemare le scuole di Milano urgano parecchi interventi di manutenzione sia ordinaria che straordinaria – è il parere di commentato Silvia Sardone, consigliere comunale ed europarlamentare della Lega. – Purtroppo forse ora ci toccherà assistere ai canti di Bella Ciao e alla propaganda immigrazionista direttamente nelle aule…

La nomina di Limonta, ironia della sorte, arriva quasi contemporaneamente alla notizia dell’ennesima occupazione abusiva da parte dei centri sociali che hanno riaperto lo Zip in via San Calocero. Chissà se il neo assessore spenderà qualche parola di condanna verso questi delinquenti che calpestano le leggi dello Stato italiano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.