Natale sotto i portici: come nasce una nuova tradizione

Milano

Pur essendo sempre più proiettata verso il futuro, Milano è ancora capace di generare tradizioni dal sapore antico. Lo dimostra quanto sta accadendo a Greco Milanese, dove, grazie all’iniziativa di un gruppo di giovani imprenditori, quella che doveva essere un’occasione per scambiarsi gli auguri di buone feste fra colleghi e amici, si è trasformata nel tempo in una manifestazione che coinvolge tutto il quartiere.

Si chiama “Natale Sotto i Portici”, in onore di quelli che congiungono Piazza Greco con il Borgo di manzoniana memoria di Cascina Conti e dove ha sede l’attività dei ragazzi che, cinque anni fa, approfittando del riparo dalle intemperie che offrono, pensarono di organizzare il brindisi natalizio invitando amici parenti e clienti, senza rifiutare un calice a chi passava di li per caso. E quando c’è l’occasione di bere un bicchiere gratis in buona compagnia a passare per caso sono sempre in molti.

Visto l’inatteso successo di quella prima edizione, i giovani imprenditori pensarono di replicare anche l’anno successivo e quelli seguenti, allargando gli inviti a tutto il quartiere, fino ai residenti dell’intero Municipio, che ha consentito loro di realizzarsi sul piano lavorativo. Con il passare degli anni si è passati da qualche panettone e bottiglia di spumante consumate fra pochi intimi, alle centinaia di persone intervenute l’anno scorso, quando sono state consumate 200 bottiglie di spumante e 900 salamelle cucinate sul sagrato della Chiesa di San Martino, mentre sotto i portici si teneva un edizione speciale del “Mercatel su la Martesana” e si esibiva una banda musicale.

Quest’anno, per celebrare il primo lustro di questa iniziativa, gli organizzatori hanno deciso di dedicarla alla beneficenza e per ognuna delle mille salamelle offerte gratuitamente, che sarà consumata dai convenuti, doneranno 50 centesimi all’Associazione Sportiva Greco San Martino per aiutare le famiglie degli atleti più bisognosi. A fare da contorno alla manifestazione ci sarà anche la “Run and gnam”, una gara podistica non competitiva che terminerà sotto i portici, dove gli atleti potranno rifocillarsi e dissetarsi insieme a tutti i partecipanti alla festa, cui siete ovviamente invitati anche tutti voi che ci leggete.               

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.