Il Governo accusa Milano di egoismo. Però versiamo il 10% dell’Irpef italiana

Fabrizio c'è Milano
Il  Ministro per il Sud, Provenzano, ha sparato contro Milano dicendo che la nostra città prende e non dà all’Italia.  Sala come Sindaco doveva rispondere per le rime ma essendo del PD è stato soft e ha farfugliato che gli dispiace.
Prima spieghiamo a Provenzano un dato: Milano versa 16 miliardi ogni anno solo di Irpef allo Stato!  Non saranno certo Expo 2015  o i finanziamenti per M4 o M5 a pareggiare il contributo pagato dai Milanesi al Bilancio dello Stato. Milano semmai è la più danneggiata dagli ultimi governi, quelli della decrescita: ritardi negli investimenti, leggi che bloccano il mercato del lavoro, giustizia e burocrazia lente da far scappare gli investitori, capolinea della immigrazione incontrollata.
Il ministro Provenzano lamenta che Milano attrae troppi giovani e che questo impoverisce il Sud. Giovani del meridione sono sempre venuti a studiare a Milano, ma 30 anni fa trovavano  anche lavoro a casa loro, mentre oggi è impossibile grazie a politiche sbagliate, dai fondi europei incagliati ai disincentivi come il reddito di cittadinanza.
Certo, essere l’eccezione dinamica all’interno di una nazione che non cresce, alla lunga potrebbe creare problemi pure a Milano.
Il Governo e il suo Ministro Provenzano però non diano a Milano colpe che invece sono loro. Concedano più autonomia alla Regione e facciano politiche più favorevoli alle imprese. Proprio quel tessuto di imprese private ed internazionali che consente a Milano di offrire ancoro lavoro e futuro ai giovani. Oppure, se queste ricette non piacciono, diano la parola agli italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.