Attenti al link, l’intercettazione è in agguato…Palamara docet!

Politica

Non aprire link di cui si sconosce la provenienza e non effettuare aggiornamenti del cellulare richiesti dal proprio gestore di telefonia.

Gli esperti informatici danno queste informazione a chi ha il terrore di essere intercettato con il famigerato virus Trojan, il software spia che trasforma il cellulare in un microfono.

Le indicazioni, a dire il vero, vengono direttamente dagli atti del procedimento di Perugia dove è indagato per corruzione l’ex presidente dell’Anm ed ex consigliere del Csm, Luca Palamara.

Il Trojan, un tempo utilizzabile solo nelle indagini per mafia e terrorismo, è stato sdoganato da quest’anno anche per i reati contro la Pubblica amministrazione con la legge “Spazzacorrotti”.

Il cellulare, trasformandosi in microfono, è in grado di registrare tutto ciò che avviene nel raggio di diversi metri. Uno strumento potentissimo che per poter essere utilizzato necessità, però, del “contributo” da parte dell’indagato.

I coimputati di Palamara, gli avvocati Pietro Amara e Giuseppe Calafiore e l’ex magistrato Giancarlo Longo, evidentemente smaliziati sulle più recenti  tecniche investigate, ricevuto il link sospetto hanno accuratamente evitato di aprirlo, salvandosi dal Grande Fratello telematico.

Palamara, invece, pur avendo svolto per anni le funzioni di pm alla  Procura di Roma, ha “abboccato”.  Trovatosi con il cellulare in panne, ha risposto al link salvifico proveniente  da Vodafone. “Gentile cliente stiamo riscontrando problemi sulla linea. Per risolverli, clicchi qui”. Ed il clic da parte di Palamara fu fatale per le sorti dell’Organo di autogoverno della magistratura: quattro consiglieri togati costretti alle dimissioni ed il procuratore generale della Cassazione al prepensionamento

La strategia del messaggio tarocco da parte del gestore di telefonia era stata suggerita al pm di Perugia, Gemma Milani, dal Gico della Finanza.

Svelato il trucco, gli investigatori dovranno ora affinare la mente per trovare altri metodi per infettare i telefoni dei loro indagati. Ma, si può esserne certi, la fantasia non mancherà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.