In Darsena vietate bottiglie di vetro, lattine e aste per selfie

Milano

 È in vigore da oggi l’ordinanza che vieta di introdurre in Darsena bottiglie o contenitori in vetro, lattine, bottiglie di plastica con il tappo, aste per selfie e fuochi artificiali. Inibito anche l’esercizio del commercio itinerante, compreso il cosiddetto street food. La Darsena è un luogo di ritrovo dell’estate milanese molto frequentato, dove si registra quotidianamente una grande affluenza di persone. Questo comporta una ulteriore attenzione per garantire la sicurezza di tutti. L’abbandono di bottiglie, in particolare quelle rotte, costituisce un pericolo per l’incolumità di quanti vogliono godere la bellezza di quest’area.

Fino alla mezzanotte di domenica 1 settembre nell’area della Darsena, compresa tra Piazza XXIV Maggio, viale Gorizia, via Codara, Piazzale Cantore e Viale Gabriele D’Annunzio, è vietato “introdurre, depositare al suolo, detenere, trasportare, cedere o ricevere a qualsiasi titolo bottiglie e contenitori di vetro, lattine di qualsiasi tipo, bottiglie di plastica chiuse con tappo e aste per selfie”. Il divieto è valido anche per fuochi artificiali, petardi, botti o razzi. È consentito agli esercizi pubblici la vendita di bevande, previa spillatura o mescita, in contenitori di carta e plastica. La consumazione di bevande in vetro è permessa solo all’interno dei pubblici esercizi per le ordinazioni al tavolo. L’ordinanza vieta inoltre l’esercizio del commercio in forma itinerante su area pubblica, compresi i cosiddetti street food.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.