Egiziano con duemila euro per comprare moglie, le femministe approvano?

Milano

Ma quanto vale un sentimento? A quanto pare è stato quantificato in 2000 euro da due truffatori che hanno promesso a un egiziano una moglie comprata, quasi fosse una statuina più o meno bella, più o meno disponibile. E l’egiziano ha comprato, con 2000 euro, con  convinzione, la schiavitù di una donna, sicuramente non l’amore, la condivisione. La cronaca annota che nel giorno e nel luogo deciso, in via Farini 19, ovviamente la donna non c’è, il 22enne si scaglia con una violenza inaudita, ma i due egiziani truffatori riescono a far perdere le tracce.

Se una promessa in sfregio alla dignità della donna viene portata avanti è sinonimo di una forma di pensiero incivile, di un’usanza che fa rabbrividire. E vorremmo che le conquiste di parità e di rispetto venissero assimilate per il solo fatto che questi individui sono sbarcati a Milano? E le femministe che hanno invocato il loro arrivo, abbandonandoli poi al loro destino, non scendono in piazza contro un atteggiamento inqualificabile degli amici migranti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.