Sodalizio criminale per truffare gli anziani

Cronaca

Le forze dell’ordine hanno scoperto un’associazione a delinquere con base a Napoli, dedita soprattutto a truffe nei confronti di anziani del Nord e Centro Italia. Il sistema consisteva nell’offrire in vendita  pepite e lingotti d’oro, falsi. Una prima piccola pepita di campione veniva fatta esaminare a un ‘Compro oro’ o a un commerciante di preziosi, risultando essere buona ma, una volta concordato il prezzo di vendita, venivano consegnate partite di oggetti solo rivestiti d’oro, ma all’interno costituiti di ferro o acciaio. Alcuni di questi episodi sono avvenuti all’estero, in Marocco e Tunisia.

Con l’impiego dioltre 100 carabinieri dei comandi provinciali di Siena, Napoli, Milano, Brescia, Rimini e Pistoia, sono stati eseguiti una decina di provvedimenti cautelari, emessi dal gip del Tribunaledi Siena, a Napoli e Milano. In otto di questi casi i militarii hanno informato preventivamente i colleghi che così sono riusciti a fermare i truffatori in flagranza o semi flagranza di reato,  traendoli in arresto.

In un appartamento di Milano, zona Crescenzago è stato individuato anche un importante canale di ricettazione. Gli uomini dell’arma hanno effettuato perquisizioni anche a Brescia, Rimini e Pistoia nei confronti di ulteriori indagati.

Le indagini, partite dal Nucleo investigativo di Siena, sono partite da alcuni episodi di raggiro avvenuti nell’estate dello scorso anno nella città toscana. I carabinieri hanno scoperto numerose schede telefoniche utilizzate nelle varie truffe e intestate a cittadini pakistani. Si è potuto risalire a 50 episodi di truffa avvenuti in Siena, Perugia, Milano, Treviso, Gallarate (Varese), Domodossola, Bologna, Perugia, Torino, Treviso, Padova, Napoli, Tivoli (Roma) e Lugo di Romagna (Ravenna), recuperando parte della refurtiva costituita da gioielli e denaro, per un ammontare di circa 200 mila euro.

La procura di Siena – titolare dell’indagine – ha contestato reati che vanno dall’associazione per delinquere finalizzata alla truffa o all’estorsione, dalla truffa aggravata, alla ricettazione e al favoreggiamento personale o reale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.