Assegnazione locali in Galleria “Da Comune gestione pessima, Sala chieda scusa”

Milano

Il dubbio è più che legittimo: quando il Comune emette un bando, i pasticci sono dietro l’angolo e la gara va rifatta. La litania dell’assegnazione ai negozi degli spazi in Galleria, sembra non aver fine con l’ultima sentenza del TAR. Il Tar, infatti  boccia definitivamente il bando del Comunee dà ragione a “Il Salotto” e “La locanda del Gatto Rosso” contro il bando di assegnazione del Comune. Siamo punto e a capo.

– “Come andiamo ripetendo da tempo, sulla vicenda relativa alla gara per gli affitti di alcuni spazi in Galleria il Comune ha sbagliato su tutta la linea. Ora che il Tar ha bocciato definitivamente la delibera approvata lo scorso dicembre dalla giunta Sala i nodi vengono al pettine, e qualcuno a Palazzo Marino dovrà fare una seria autocritica”: lo afferma in una nota Gianluca Comazzi, consigliere comunale e capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale. “Da anni – prosegue – denunciamo questa situazione vergognosa in consiglio comunale: decine di interventi e di articoli apparsi sui principali quotidiani lo dimostrano. A quanto pare avevamo ragione a criticare l’operato della giunta e l’accanimento nei confronti dei proprietari dei due locali. Per dirla con una battuta, credo sia doveroso che l’assessore al Bilancio paghi di Tasca sua per aver gestito la vicenda nel peggiore dei modi: chi risarcirà i ristoranti ‘il Salotto’ e ‘la locanda del Gatto rosso’ per gli ingenti danni economici subiti e una lunga trafila giudiziaria? A detta dei giudici, la condotta dell’amministrazione evidenzia ‘eccesso di potere, carenza di motivazione e disparità di trattamento’.

Una pagina triste per la storia della nostra città: Sala chieda scusa alle persone danneggiate da questa vicenda e prenda seri provvedimenti nei confronti di chi ha sbagliato”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.