Carfagna “Dopo dieci anni di battaglie il matrimonio forzato è reato e fondi vittime feminicidio”

Politica

Dedico questa giornata (3.4.2019)  a Farah e Sana, uccise perchè volevano essere libere. La nostra battaglia, che oggi si è chiusa con due bellissime vittorie, porta anche il loro nome e quello di tutti i piccoli orfani di femminicidio. Dalla Camera arriva lo stop ai matrimoni forzati e l’ok al fondo per le famiglie affidatarie di orfani di femminicidio. È importante che la politica ascolti e si prenda cura dei più deboli.

Un passo fondamentale per sostenere le ragazzine di origine straniera cresciute qui, consapevoli che in Italia sono libere, possono studiare e vivere realizzando desideri e talenti: abbiamo tutto l’interesse e anche il dovere di sostenere chi sceglie di vivere secondo le nostre leggi e i nostri valori.

Anche il finanziamento del fondo per le famiglie affidatarie degli orfani di femminicidio è una vittoria della giustizia, indispensabile per sostenere chi cresce almeno 2mila bambini che vivono con gli zii, i nonni, i parenti, amici: famiglie che spesso versano in condizioni economiche difficili e in più devono assicurare molte cure e una dedizione totale. Lo Stato, che non ha saputo difendere la vita delle donne uccise, nonostante le leggi e le denunce, non può ora abbandonare i loro figli.

Post Mara Carfagna (F.I)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.