Vengono dalle Case Bianche per vendere abusivamente polli all’ingrosso

Milano

Attenti a non inciampare in un pollo! Vivo o morto? Si presume morto, forse ancora con il sangue rappreso e gli occhi disperati, spenti per sempre. Rubato? Probabilmente, perché proviene da là, dalle Case bianche, regno di traffici più o meno leciti: un crocevia di innominati che “vivono” in libertà, senza regole o imposizioni. E sono astuti, supponenti, perché la vita ha insegnato loro che l’impunità in Italia, soprattutto a Milano, sta nelle cose soprattutto negli stranieri. E allora un commercio abusivo di polli, magari sgozzati per strada come a Lambrate e poi mercanteggiati nel parcheggio in prossimità del civico 28 di via Salomone, diventa un mercato di banale utilità. La novità per chi osserva è questa vendita abusiva di polli, in una discarica a cielo aperto, tra la sporcizia e il degrado.

Mancano forse i banchetti per la merce, ma i protagonisti sanno a chi vendere, quali sono i potenziali clienti. Il fatto è che tra le tante invenzioni di vendita con merce contraffatta, adesso si uniscono i polli, Scrive Oscar Strano, Consigliere di Forza Italia al Municipio 4 in un post “Anche stasera, indisturbati, taluni soggetti – che sappiamo essere residenti alle Case Bianche – continuano nella vendita abusiva di pollame nel parcheggio in prossimità del civico 28. Vendono polli all’ingrosso, direttamente dai bauli delle auto. Tale attività va avanti da molto. Oggi ho registrato personalmente alcune targhe e fotografato i fenomeni. Andrò dalle forze dell’ordine a denunciare l’accaduto perché questa situazione è divenuta intollerabile. Già nei mesi e nelle settimane precedenti le Forze dell’Ordine sono state allertate, anche singoli cittadini hanno fatto opportune segnalazioni. È il momento di intervenire e far capire che le norme devono essere rispettate! Il parcheggio delle Case Bianche non è né una discarica né un mercato”.

Vita grama per il popolo delle Case Bianche che, dalla visita del Papa nel 2017, aspetta la riqualificazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.