La follia di demonizzare la storia e il governo modello di Formigomi

Politica

Il sole di febbraio in una giornata invernale. Roberto Formigoni si è costituito ed ha scelto Bollate il carcere dal volto umano, se è lecito dire. Le cronache osservano con una tacita meraviglia. Quasi una tristezza celata. Racconta Il Giornale “Ed eccola, la sua nuova casa: terzo piano, reparto uno, stanza 315. Con lui ci sono due detenuti italiani di mezza età, le tre brande disposte a ferro di cavallo. A lui tocca quella centrale. Sul tavolo, un cesto di frutta…«Ho la coscienza pulita e l’animo sereno. Accetto le circostanze in cui mi viene chiesto di vivere»….La quotidianità è quella che comincerà con il primo risveglio da prigioniero. «Mi dispiace – dice Formigoni al visitatore prima di salutarlo – per le sofferenze che senza volere ho causato a tanti amici là fuori». Silvio Berlusconi commenta “È stato in assoluto il miglior governatore di tutte le Regioni” E Maurizio Lupi in una lunga intervista al Corriere manifesta sdegno, orgoglio, tristezza «Una follia demonizzare il suo governo modello. Si deve rispettare la storia» Le volte in cui Formigoni è stato eletto presidente della Lombardia: 1995, 2000, 2005, 2010. Continua l’on. Lupi «In uno Stato di diritto ci si difende nel processo e lui lo ha fatto con forza e orgoglio rivendicando la sua innocenza. In uno Stato di diritto si accettano le sentenze senza complottismi o vittimismi di sorta. Però come si rispettano le sentenze, si deve rispettare la storia e la storia ci dice che il governo lombardo di Formigoni è stato un modello amministrativo ineguagliabile».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.