La grande incognita a Cinque Stelle sulle Euopee

Politica

Con le espulsioni di inizio anno e l’abolizione del divieto del terzo mandato i Grillini si preparano al futuro elettorale. Obiettivo: non farsi mangiare da Salvini. La questione è estremamente complessa e si dipana su tre piani: l’identità, la strategia di breve termine e la scelta di governo. Al momento il grande problema è e resta il reddito di cittadinanza. Di ora in ora, di indiscrezione in indiscrezione quello che sta emergendo è la volontà di privilegiare la data di entrata in vigore su tutto il resto: buonsenso ed efficacia compresi. Questo ci dà un indizio fondamentale. L’orizzonte temporale è Maggio. Oltre c’è il baratro. Ma come siamo arrivati a questo punto?

In principio era il partito a vocazione maggioritaria. I Cinque Stelle non si alleano, non si federano, non fanno accordi e governeranno solo col 51%. Questo, ovviamente, prima. Prima che si rendessero conto che, dopotutto, gli Italiani hanno molti difetti ma non sono scemi. Il 51 non glielo avrebbero mai dato. Il secondo pilastro era: né di destra né di sinistra. Anche qui, era facile non esserlo all’opposizione, prendendo tutte le battaglie più redditizie, ma poi è arrivato il 4 Marzo. Oggi ci sono Fico e Di Maio. Quindi i Grillini sono di destra E di sinistra. Uniti solo dall’inerzia. E sempre meno vista la valanga di espulsioni. Quindi, domani, dovranno decidere. E qualsiasi cosa decideranno di essere, sarà la fine. A Maggio, quindi, andrà in scena un dramma nelle urne:in che direzione tradiranno le loro radici?

In base a questa decisione, immagino decideranno cosa faranno domani. Non fra un anno, né tanto meno fra dieci. La domanda cruciale è, e resta, quando staccare la spina. La Lega non ha convenienza alcuna a farlo. Checché se ne dica, nelle due occasioni in cui poteva strappare, il linciaggio mediatico ha sempre fatto tornare a casa Matteo. Questo significa che la pugnalata la tireranno i Grillini. Già, ma quando? Monetizzeranno un rifiuto leghista ad un reddito di cittadinanza puramente assistenzialista? Aspetteranno un casus belli post Europee? Non è dato sapere. Molto dipende dal rapporto tra Di Maio e DI Battista. E da quanto Grillo forzerà la mano. Perché, al momento, la schifezza che sta prendendo forma darà pochi soldi a poche famiglie Italiane. Risultando indigesto a tutti. E rompere su di esso potrebbe portare l’assist necessario a Dibba per far riprendere qualche punto nei sondaggi e poi nelle urne.

Infine, il problema di lungo periodo: i Cinque Stelle sono compatibili col governo? Perché se non lo fossero si potrebbe tornare alla fesseria del 51, assestarsi sul 25 stabile e fare opposizione per sempre, governando di tanto in tanto qualche città o qualche Regione. Come il PCI. Se passasse invece la linea di Di Maio, allora la Lega sarebbe l’unico partner possibile. È una comunanza non solo e non tanto di programmi, ma di elettorato. Tutto ciò che eccede il 10% di Salvini non vuole il centrodestra. Vuole l’Apocalisse zombie. E spinge verso Grillo. Prima ne prenderemo atto tutti, meglio sarà per noi. Noi come centrodestra. Noi come Italia che produce. Noi come testardi sopravvissuti all’apocalisse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.