Ponti sull’Adda e Medioevo

Lombardia

Le cronaca impietosa delle chiusure dei viadotti sull’Adda si commentano da sole. Attraversare un fiume di dimensioni medie è diventato un problema. Si preferisce discutere di reddito di cittadinanza, intanto l’unico modo di superare l’Adda in auto sta diventando l’autostrada. Gli altri collegamenti sono troppo malmessi e sono stati chiusi. Servono tanti soldi per sistemarli, ma meno di quelli che stanno stanziando per il reddito di cittadinanza. Si parla di lavori in avvio, ma intanto per l’inverno i collegamenti in pianura si contraggono. Un fatto molto comune in un’epoca dalla discutibile prosperità come il Medio Evo. La vera uscita dai secoli bui infatti si realizzò quando i trasporti permisero di portare derrate alimentari e medicine a chilometri di distanza, ma in poche ore: le carestie e le epidemie calarono e le persone furono più libere di circolare anche in inverno. Oggi stiamo invertendo il meccanismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.