Desirée e l’emergenza stupri anche a Milano per un’accoglienza indiscriminata

Milano

Il sangue non diventa rimorso. Pamela e Desirée unite da un ricordo di violenza inaudita, da un destino incontrollato, da un’età in cui i sogni sono belli e intatti. Gli aggressori sono neri, africani e arabi, si direbbe verbalmente. Per dire che la dinamica dello stupro è preparata, fatta, ripetuta, gridata dai pugni, senza pentimenti. Desirée viveva in un quartiere centrale di Roma, San Lorenzo, nel fango di spacciatori e drogati, inevitabilmente nel mirino di una gang che vive abusivamente, conosce la forza del gruppo, fa riferimento al proprio istinto animale. Secondo quanto riporta il Corriere gli investigatori sarebbero arrivati ad una svolta decisiva: ben sei stranieri, probabilmente africani, sono stati portati in Questura e sottoposti ad interrogatorio da parte della Squadra mobile. Sono loro i sospettati per lo stupro e la morte di Desirée Mariottini. E gli stupri diventano sfogo, sopraffazione, violenza. Ora a Milano è emergenza. Una catena che sembra non debba mai finire. Si stupra l’ottantenne, la settantenne, la prostituta sudamericana, la studentessa, la cliente ignara di un taxi abusivo, non importa dove da Corvetto al Parco Nord, alle sette del mattino o in un sottopassaggio di sera. La voglia insana di ottenere e subito la donna seguita diventa un imperativo. La mancanza di educazione sessuale, l’ignoranza, non giustificano il possesso con la forza di tanti immigrati. L’emergenza è da addebitare ad un’accoglienza così diffusa che ospita buoni e criminali, al degrado dei tanti buchi neri di questa città e all’assenza ingiustificata di controlli che Sala e Giunta, nel nome del buonismo, non vogliono fare. Ma i numeri non sono influenzati da pareri. In Italia da un dossier della Polizia, viene rivelato che quasi la metà degli stupri viene commessa da stranieri: quest’anno sono stati 1.155, contro 1.628 attribuiti a italiani.Ma gli stranieri in Italia sono l’8%. Il danno, soprattutto a Milano dove l’integrazione è un sogno anche per ammissione dello stesso Sala, lo stupro diventerà semplicemente un’occasione per…E i cittadini avranno sempre più paura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.