La solita tattica di Granelli: eliminati posti auto anche in Piazza Dergano

Fabrizio c'è Milano
Si sono  scomodati termini come  urbanistica tattica, si è parlato di Piazze aperte e di riqualificazione della periferia. Alla fine però in piazza Dergano si è fatta una banale eliminazione di parcheggi. L’ennesima in una citta dove la sinistra, da quando governa, ha eliminato 6000 posti auto tra Ztl, pedonalizzazioni, ciclabili e stalli per Bikeni e auto elettriche.
Anche a Dergano l’Assessore Granelli  ha deciso per tutti noi di eliminare una trentina di parcheggi perché vuole rieducare i cittadini e obbligarli a non usare l’auto. Pazienza se questo avrà ripercussioni sul lavoro, sulle attività e provocherà disagi ad anziani e famiglie.
Per fortuna il Municipio 9 ha ottenuto la temporaneità della chiusura, ma il progetto è assurdo: una selva di cartelli stradali, 4 vasi, una distesa di asfalto a bolle, non fanno una vera Piazza.
La tactical urbanistic è solo una scusa per togliere posti auto e rendere meno accessibile al quartiere la Piazza Dergano. Tra l’altro oggi la Piazza ospita ancora molti negozi di vicinato che con la chiusura alle auto sono destinati a chiudere per mancanza di clienti. E così anche in questo Borgo il piccolo commercio morirà. Rimarranno solo i brutti ceffi e bande di adolescenti che la sera saranno più comodi nel fare bisboccia.
Fabrizio De Pasquale

Capogruppo di Forza Italia nel Consiglio Comunale di Milano.

6 thoughts on “La solita tattica di Granelli: eliminati posti auto anche in Piazza Dergano

  1. E’ una settimana che devo fare il giro del cucu’ per passare verso pte Ghisolfa. Piu traffico piu inquinamento, meno business per l’edicola ecc.
    Basta!

  2. Un articolo del genere lo metto da parte: mi ricorderà chi non ascoltare o leggere mai più. Ben vengano iniziative come questa di Dergano!

  3. Cara Sara
    Io abito a dergano e questa francamente mi sembra la classica operazione per recuperare qualche voto. Chiudere al traffico la piazza é una follia,non sono stati considerati i disagi che avremo noi tutti cittadini con le auto, per percorrere pochi metri saremo costretti a fare giri assurdi con conseguente intasamento delle altre vie ed anche più inquinamento. Piuttosto avrebbe avuto senso riqualificare i vicini giardini Pagani a non più di 30 metri che negli ultimi anni sono sempre più mal frequentati e con l’assenza totale di regole. Per abbellire piazza der

  4. Per abbellire piazza dergano basterebbe veramente poco, abbellire le. Rotonde attuali che sono le più brutte della città e migliorare i marciapiedi. Fortunatamente alla. Piazza non manca la socialità che anzi trovo piuttosto vivace. Chi ha deciso questo dimostra di non conoscere affatto il quartiere.

  5. Aaaaaahhhhhh. Adesso si che…
    dico, ma i PARCHI. Pubblici PARCHI. Sapete, con l’erba, i campetti da calcio e da basket, poi due piste da pattinaggio ed intorno vialetti e piu intorno spazio di parcheggio (compresi pali / rastrelliere decenti per le bici), fermate bus, e una bella STRADA, questo disegno non e’ piu’ considerato?
    Ci aspettiamo ovviamente una campagna elettorale fatta di un programma RICCO DI DETTAGLI, cosa tornera’ come prima, cosa si fara’ e dove, quali saranno le priorita’, quali le linee generali. Ma tanti DETTAGLI, perche’ senza di questi cari politici d’opposizione, io faro’ una bella SCHEDA NULLA!
    A livello nazionale chiaramente poi ci aspettiamo anche un CONDONO (si, condono, non pace fiscale, quella e’ un’altra cosa) per tutte le sanzioni annesse a certi verbali dei sindaci del cambiamento, come eccessi di velocita’ tipo 60 orari in famagosta da 200 euro e naturalmente accessi in aree furto come areaC GIUSTAMENTE non pagati oppure ancor piu ovviamente i cosiddetti “divieti di sosta” sugli “stalli” a pagamento, che ormai hanno raggiunto la periferia (altro che zona di particolare rilevo urbanistico!).
    Queste cose vanno SPIEGATE ai cittadini signori politici, perche’ ancora in molti non hanno capito che significato ha assunto oggi la parola “multa”, “sanzione” o “divieto”. Non sono piu’ limiti posti nell’interesse collettivo vero, ma strumenti atti a fare FURTI.
    Grazie a tutti per l’attenzione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.