Mara Carfagna, il volto umano di FI “La pietà non può mai essere contrapposta a severità e giusto rigore”

Politica

Nel modo e nei tempi Salvini vuole smuovere il pachiderma Europa che per cinque anni si è dedicata al lassismo, al baratto con un indice di flessibilità, che soprattutto non ha designato la responsabilità dei migranti e della loro accoglienza. Guardare altrove e lasciar fare è una soluzione pilatesca, ma funziona fino ad una presa di posizione decisa, forse anche troppo. E la nave Diciotti diventa il simbolo di uno scontro epocale con la sinistra buonista e con quell’Europa egoista e menefreghista con lo sguardo altrove.

Dichiara Mara Carfagna  a La Stampa “E’ giusto che un Stato sovrano possa decidere a chi far varcare i propri confini e avanzi soluzioni per contrastare la clandestinità. Ma non può prendere in ostaggio centinaia di esseri umani. Uno Stato severo non può essere uno Stato crudele…Non mi piace questo linguaggio: chi rappresenta le istituzioni deve mantenere un linguaggio che ne preservi il prestigio e l’autorevolezza. E poi la pietà non può mai essere contrapposta alla severità e al giusto rigore. Quando hai una nave con a bordo persone che scappano da situazioni drammatiche come somali ed eritrei, non puoi trasformarli in armi di lotta contro l’Europa».

Ma l’esasperazione di Salvini, praticamente solo contro rutti, è ampiamente giustificata, ruota intorno a quella sicurezza degli italiani messa a dura prova da furti, stupri, occupazioni abusive. Sì, meglio non alimentare guerre inutili tra poveri, ma l’esasperazione è anche nel vicino di casa, nell’extracomunitario, che si incontra per caso, nel clandestino che ti vuole semplicemente umiliare con un coltello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.