Sala dorme sulle esondazioni del Seveso. Sta sognando di riaprire i Navigli

Fabrizio c'è Milano
Anche stanotte migliaia di milanesi hanno assistito all’esondazione del Seveso. Il fango uscito dai tombini è stato ripulito da Amsa ma il traffico ha subito disagi notevoli perche la zona di Piazzale Istria e Viale Zara è stata chiusa al traffico fino alle nove.
Sono passati 8 anni da quando Majorino, Baruffi e Maran esposero uno striscione in consiglio comunale contro la Moratti. Non è successo nulla sebbene da 7 anni proprio loro siano andati al Governo con la sinistra.
Questa colpevole inerzia è ancora più grave di quella delle precedenti amministrazioni che si sono succedute a Milano.
Infatti dal 2014 sono stati stanziati 110 milioni dal Governo e dalla Regione per il progetto delle vasche di laminazione. I soldi ci sono, ma il progetto è bloccato per le futili proteste di un Comune PD (Senago).  In pratica Beppe Sala, che è anche Sindaco della città metropolitana, non è riuscito a fare pressione su un Comune del suo territorio e del suo partito per difendere gli interessi dei suoi concittadini che avrebbero diritto a essere protetti dai danni delle esondazioni.
Addirittura una delle vasche bloccate è nel Parco Nord, in territorio del Comune di Milano. A ritardare questo impianto banalissimo (una vasca) è un ricorso del Comune di Bresso e le proteste dei tanti ambientalisti che fanno parte della maggioranza di sinistra che governa Milano.
A questo punto una domanda sorge spontanea: se non si è riusciti a costruire in 5 anni  6 vasche con fondi già stanziati, quanti decenni ci vorranno per realizzare il progetto Riapertura Navigli che necessita 5 vasche dentro la città e senza finanziamenti stanziati?
Sala e compagni sono fatti così. Piuttosto che chiudere una emergenza idraulica che mette a rischio ad ogni temporale interi quartieri, preferiscono il sogno romantico e costoso della riapertura dei Navigli. Le cantine allagate e il traffico imbottigliato sono quisquiglie per i grandi sognatori della Milano chiacchere, biciclette e aperitivi.

1 thought on “Sala dorme sulle esondazioni del Seveso. Sta sognando di riaprire i Navigli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.