150.000 ai Giardini di Porta Venezia. Maran li autorizza e gli fa lo sconto.

Fabrizio c'è Milano
Milano 26 Maggio – Sulla carta vengono annunciati 3 milioni di alberi da piantare, non si sa come, al posto dei parcheggi. Intanto però consentono manifestazioni di massa nei parchi storici, Giardini Montanelli e Parco Sempione.
I governanti di Palazzo Marino sono molto ambientalisti quando c’è da riscuotere soldi o mettere divieti contro le auto. Se però c’è da tutelare il verde pubblico da manifestazioni di massa, politiche o commerciali, chiudono 2 occhi.
Da ieri a Domenica si svolgerà il Wired Next 2018, una manifestazione teoricamente dedicata alle tecnologie del futuro ma in pratica un grande happening con concerti e birra a volontà. Gli organizzatori stimano in 150.000 i visitatori, che in 3 giorni fanno 50.000 a giorno.
Non si capisce proprio perché manifestazioni del genere debbano essere ospitate in un parco del 1700, con alberature fragili e monumenti vincolati. Milano dispone di tanti luoghi da far rivivere in periferia, primi fra tutti gli scali ferroviari.
Non siamo contrari a queste iniziative ma che si facciano in luoghi più idonei. Né tantomeno da liberali ci scandalizza il businness, ma non si capisce perché il Comune debba applicare un canone occupazione super scontato di 29.000 Euro quando solo fra birre e aperitivi gli organizzatori incasseranno 30 volte tanto. E il Comune non ha nemmeno chiesto ai molti sponsor di restaurare qualcuno dei tanti monumenti del Parco.
Insomma il Comune ha sbagliato ad autorizzare Wired in barba a tutti i regolamenti e stranamente ha chiesto poco. Protestano anche i volontari di Agiamo che con tanta passione curano il parco. Ma a Maran e soci loro fanno comodo quando puliscono i giardini al posto del Comune, non quando chiedono più rispetto del verde.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.