Jobs Act: in Italia quasi 3 milioni di lavoratori sono a rischio povertà nonostante lʼimpiego

Economia e Diritto

Milano 19 Marzo – Ai tempi del jobsact, irrompe nelle statistiche economiche il fenomeno dei lavoratori poveri, i “workingpoor”, persone che, benchè occupate, non ce la fanno a sbarcare il lunario. Un nuovo allarme arriva dalla Cgil: in Italia ci sono 4,5 milioni di occupati a disagio a causa di part-time imposti e del lavoro a tempo determinato.

Una denuncia rilanciata anche da uno studio di Censis e Confcooperative, che indica in 2 milioni 700 mila i lavoratori, complessivamente, a rischio povertà. Un fenomeno che colpisce anche i giovani. Secondo Eurostat, tra i 20 e i 29 anni il 12,1% di giovani occupati è a rischio povertà. Il dato cambia sensibilmente da Nord a Sud e diventa il 27 e 7 per cento in Campania contro il 5 e 7 del Trentino Alto Adige. (Tg.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.