Comasina alla resa dei conti: assemblea per piazza Gasparri, traffico e case popolari

Milano

LA PETIZIONE: I cittadini hanno raccolto 400 firme per sollecitare interventi su questi problemi

Milano 31 Gennaio – ALL’ORDINE del giorno c’è «l’eterna incompiuta», piazza Gasparri. E poi il «caos» in strada a ridosso dei capolinea del metrò giallo Comasina e di più linee di bus, con «sosta selvaggia e viavai di mezzi pesanti». Ancora la «situazione irrisolta» di alcuni stabili popolari. Sono i temi caldi del quartiere Comasina e verranno affrontati in un’assemblea pubblica domani alle 21 al centro ricreativo culturale Sempreverdi di via Val di Bondo 13, con l’assessore alla Mobilità Marco Granelli, il presidente del Municipio 9 Giuseppe Lardieri e rappresentanti di Aler e Amsa invitati dal comitato di quartiere che organizza l’evento. I cittadini lo scorso maggio avevano raccolto 400 firme per sollecitare interventi, consegnandole poi al Comune e al parlamentino. Ora arriva il momento del confronto.

Il comitato auspica per piazza Gasparri una riorganizzazione complessiva, con spazi per la sosta regolamentata e altri («la maggior parte») solo pedonali e verdi, per invogliare le famiglie a vivere il luogo e nello stesso tempo allontanare «cattive frequentazioni», e chiede anche di verificare il funzionamento delle telecamere pubbliche. Mentre per via Comasina all’angolo con via Teano in cima alla lista ci sono «interventi all’incrocio» in cui la visuale è spesso ostruita da auto in sosta selvaggia, una telecamera e migliorie anti ingorgo, «soprattutto – spiegano i cittadini – impedire il traffico dei mezzi pesanti e riorganizzare la viabilità». Augusto Fancello, del comitato, sottolinea: «Ci sono dei progetti allo studio, abbiamo fatto incontri istituzionali. Chiediamo però che si passi dalla carta alla realtà stabilendo tempistiche certe».

SUL TAVOLO anche «il degrado delle case di via Spadini 15 e via Teano 36, in maggioranza alloggi Aler e il problema dei negozi sfitti in piazza Gasparri e in via Teano. E ancora interventi anti velocità in via Litta Modignani, «almeno un semaforo in più e una barriera tra le corsie». Il presidente del Municipio, Lardieri, anticipa che «metteremo nero su bianco in un documento le competenze di ciascun ente e gli impegni da portare a termine, con date certe». Il capogruppo di FI in Comune Gianluca Comazzi ricorda che su piazza Gasparri, fulcro del quartiere, «da anni la giunta di centrosinistra promette ai cittadini la riqualificazione ma ai proclami non sono seguiti fatti». L’assessore Granelli però annuncia che «la piazza verrà riqualificata. Abbiamo chiara la situazione sulle proprietà delle diverse porzioni (alcune sono di Aler, ndr), come per via Spadini. In vista ci sono nuova viabilità e lavori per mettere in sicurezza gli incroci a ridosso del capolinea Comasina».

Marianna Vazzana (Il Giorno)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.