Venti miliardi alle banche. Mance ai poveri

Politica

Milano 2 Settembre – Venti miliardi alle banche in dissesto. Cinque miliardi per combattere vecchie e nuove indigenze create dalla crisi economica. Questi sono i numeri per le priorità del governo e quali invece situazioni di rincalzo. Con un elemento aggiuntivo: più della metà dei soldi stanziati per le banche (13 miliardi) sono già stati spesi. Per i poveri si vedrà, forse, l’anno prossimo visto che tutta la manovra sembra avere un evidente sapore elettorale. Il solito bidone all’italiana. Alle banche gestite da manigoldi con criteri delinquenziali, o quasi, il governo e il parlamento hanno regalato fior di miliardi, evitando con cura di denunciare pubblicamente i responsabili dei fallimenti, mentre ai miserabili riservano qualche spicciolo, la cui distribuzione sarà soggetta alle consuete regole burocratiche, e avverrà all’insegna del pressappochismo. Con i criteri di selezione di cui si parla i veri bisognosi corrono il rischio di essere penalizzati a favore dei finti indigenti, quelli che ufficialmente sono in bolletta ma in realtà evadono il fisco. Pertanto si parte col piede sbagliato e si sommeranno ingiustizie a ingiustizie. Seconda ragione. Da anni ogni partito predica la necessità di ridurre le tasse. Ottima idea, però mai realizzata per mancanza di fondi. Infatti le imposte crescono e il debito pure, cosicché si crea l’esigenza di inasprire i tributi. Altro che abbassarli. Dove si andranno a prendere i denari per i diseredati? Non si capisce. È vero che si possono fare le nozze coi fichi secchi, ma stavolta non si vedono nemmeno i fichi. La sensazione è che il governo approvi certi provvedimenti non perché finalizzati alla giustizia sociale, bensì a fini elettorali. Un po’ di quattrini seminati in giro sperando di raccogliere i frutti nelle urne. La lotta alla povertà non si vince con i regali. Occorre dare impulso all’economia consentendo agli imprenditori di creare lavoro. Hanno bisogno di aiuti, non di essere continuamente scoraggiati e avviliti. La lezione a Palazzo Chigi dovrebbero averla capita. Renzi ha regalato bonus a destra e a manca (dagli 80 euro al bonus per i neo-maggiorenni). Pensava di essersi comprato il consenso degli elettori. Invece ha finito per diventare l’uomo politico più odiato dagli italiani.

Ernesto Preatoni blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.