Una Milano sempre più per ricchi: un weekend ha il costo più alto al mondo

Milano

Milano 9 Maggio – Un weekend a Milano costa: Eccome se costa. Ed è capitale del mondo per il costo Un record che ancora una volta sancisce la contraddittorietà di una città protesa verso il lusso e il privilegio di chi è ricco, ma con la presenza di sacche insanabili e dimenticate di povertà. Una divaricazione che divide, che nasconde, che viene volutamente ignorata. L’Ansa segnala “ Milano è in prima posizione al mondo per il costo medio di un weekend in città (2.092 dollari), seguita da Copenaghen, Zurigo, Londra, Stoccolma, Vienna e New York. Ed è anche la città con il costo medio più alto al mondo per un albergo a 5 stelle (716 dollari). Emerge da una ricerca DeutscheBank, il sesto studio sui prezzi globali rilevati in 47 città di diversi Paesi del mondo, che per l’Italia ha preso come campione la città di Milano. Prende in analisi diversi fattori – spiega una nota -: dal salario medio al costo di una cena, dal prezzo del gas a litro all’affitto medio mensile di un appartamento con due camere fino all’inquinamento e all’assistenza sanitaria. Oltre a indici come quelli della criminalità e il potere d’acquisto.”

E in questa Milano sempre più per ricchi, con un’amministrazione che non vuole vedere, che non vuole sentire e dove ovviamente i prezzi alti hanno una ricaduta anche nel quotidiano, un welfare per i meno abbienti non esiste.

Se, poi, si prende in considerazione la qualità della vita,  Wellington, Nuova Zelanda, è la città dove la qualità di vita e più alta, seguita da Edimburgo, Vienna, Melbourne, Zurigo, Copenaghen. Le metropoli si trovano più giù: Tokyo è ventisettesima, poi New York (28), Milano (29), Parigi (30), Londra (33), Shanghai (37), Mumbai (45). Una classifica che rispecchia le contraddizioni evidenti di una città irrisolta per lo smog, il traffico, le barriere architettoniche ecc. ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.