Niente manutenzione stradale a bilancio: i risultati si vedono

Fabrizio c'è Milano

Milano 7 Febbraio – Non ho mai creduto che le tante buche comparse nelle strade di Milano fossero colpa di un destino cinico e baro. Né della pioggia.
Ma ieri l’Assessore ai Lavori pubblici Gabriele Rabaiotti ha confermato quanto pensavo. Le strade sono piene di buche perché, in seguito all’entrata in vigore del nuovo Codice degli appalti, le opere approvate col Piano delle Opere pubbliche 2015 hanno accumulato gravi ritardi. Nel 2016 poi la
paveGiunta Sala non ha previsto investimenti per la manutenzione stradale. In pratica dall’estate 2014 non si fa manutenzione delle strade, poiché in questo ambito i lavori si fanno ad Agosto.

Per questo la città e ridotta a un gruviera, con buche enormi e masselli fuori posto. Oggi è ancora più chiaro come gli automobilisti, oltre a essere bastonati con pedaggi Area C, aumenti dei parcheggi e autovelox, non hanno ricevuto in contropartita nemmeno quella manutenzione stradale cui avrebbero diritto. Gli automobilisti, ma anche i motociclisti, vivono in una città in cui si versano 1,4 miliardi di tasse al Comune, e che mette in bilancio preventivo 320 milioni di sanzioni stradali. Per Sala e compagni però meritano zero manutenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.