L’insensato 25 Aprile senza la Brigata Ebraica

Approfondimenti

Milano 25 Aprile – Cosa ha reso del tutto unica la Seconda Guerra Mondiale? Di tutte le risposte che si potrebbero dare, la scala, l’uso di tecnologie di distruzione di massa mai eguagliate ed altre ancora, ce n’è una che nella storia degli umani conflitti fatica a trovare un paragone. Lo sterminio di un intero popolo. Lo sterminio, ad essere precisi, scientifico di un gruppo che più che etnico è un gruppo unico nella storia. Il popolo Ebraico, infatti, è un’etnia, una Fede ed un popolo tutto allo stesso tempo. Un unicum. Che qualcuno ha duramente e crudelmente lavorato per sterminare. Nel 1944 sbarcava in Italia una brigata che veniva qui a ribaltare le sorti di quel popolo. Almeno metaforicamente. Ma 71 anni dopo cos’è rimasto, oltre alle metafore? Quando ricordiamo la Liberazione lo facciamo in nome di valori e simboli che riteniamo immortali. brigata ebraica1Sapere che i perseguitati si sono ribellati ed armi alla mano hanno liberato Bologna non è forse un simbolo potente? Quella stella di David, orgogliosamente esposta, era il simbolo della speranza di tutti i caduti nei lager di tutto il mondo. Di quel simbolo dovremmo essere orgogliosi. Dovremmo difenderlo, proteggerlo. Invece. Invece non oggi dovremo assistere alle tristi contestazioni. O, peggio ancora, dovremo scontarne l’assenza. Speriamo di no, speriamo che a loro fianco, come ha annunciato, Parisi possa marciare e sfilare. Contro l’odio isterico, antistorico e sinistro dei centri sociali. Ma cosa c’entrano queste contestazioni con il 25 Aprile?

Secondo i contestatori il problema sarebbe il popolo Palestinese. Israele sarebbe il nuovo Reich. Quindi non devono festeggiare. Il simbolo non vale più. Quindi chi lo porta va cacciato, anche con la violenza. È irrilevante che il gran muftì di Gerusalemme fosse alleato di Hitler. È irrilevante che gli ebrei stessero dalla parte giusta della storia. Rileva solo l’odio odierno per la politica di Tel Aviv. A voi davvero non ricorda qualcosa? Le accuse di Hitler al popolo Ebraico sono così lontane secondo voi? I Protocolli dei Savi Anziani di Sion sono così lontani dai deliri dei Pro Palestinesi? Non ne sono  forse i discendenti ideologici? È davvero interessante questa grande galleria degli specchi. Accuse, maschere, finzioni, accuse e tanta, tanta violenza politica nei confronti egli Ebrei. Fiano, responsabile sicurezza del PD, sostiene che la liberazione ci avrebbe vaccinato contro gli orrori del totalitarismo. Sarà. Mi fido dell’onorevole. Di sicuro ha fallito nel vaccinarsi contro la radice del male chiamato antisemitismo. Ancora, ed ancora, accusiamo gli Ebrei, tutti, per le colpe immaginarie più che reali, di alcuni di loro. La liberazione, senza la Brigata Ebraica in piazza con i vessilli, non ha senso festeggiarla. Perchè il ritorno dell’antisemitismo dimostra che la radice del male non è stata estirpata e sta mettendo, di nuovo, germogli velenosi.

Oggi chiunque  ami la libertà dovrebbe vestire in blu ed in azzurro. Gli altri vestano pure il rosso. Gli si addice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.