La Milano che non vorrei. 7 – La città della movida selvaggia (video)

Milano
La Milano che non vorrei. Una mamma scrive al candidato sindaco Stefano Parisi …. ed è subito virale sui social

Milano 6 Marzo – Non ha preso carta e penna, la signora Olga Molinari, ma la video camera.

E ha “girato” una lettera aperta in forma di video, per illustrare  al candidato sindaco Stefano Parisi  quello che proprio non va a Milano. Ecco la genesi degli spot che Milanopost propone per la “ madre di tutte le battaglie”, come l’ha definita il candidato sindaco Stefano Parisi: la riconquista di Milano.Un video diario ( in sette puntate) proposto ai milanesi, da far girare nei social. La città dei clandestini, dei campi rom, della insicurezza, degli accattoni, del commercio abusivo , della movida selvaggia, dei centri sociali… Ecco tutto Il degrado che ci ha regalato la giunta Pisapia, e in cui è sprofondata Milano. Una donna milanese, dunque, racconta in un’ immaginaria lettera aperta al candidato sindaco Stefano Parisi il lavoro immenso che dovrà fare per riportare la città ai livelli standard cui erano abituati i suoi abitanti, dopo il marcio vento arancione che ha devastato i quartieri. E da qui, rilanciare una nuova immagine di Milano in Italia e nel mondo.

La voce del tenore pop non vedente Matteo Tiraboschi con la inedita canzone Mia Italia conclude ogni puntata. Le musiche originali sono del compositore Luciano d’Addetta.

Hanno collaborato diversi reporter d’assalto alla realizzazione delle interviste. La regia è di Claudio Bernieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.