La “freccia padana”, viaggio con Toti e Maroni sul treno superveloce Milano Genova

Video
video reportage di Claudio Bernieri 
musiche originali di Luciano d’Addetta
.
Milano 31 Dicembre – In un’ora secca. E non è il doppione della trasmissione velina della comare Lucia Annunziata.

E’ il tempo di percorrenza, cronometro alla mano, che ci vorrà per raggiungere Genova da Milano in treno, cronometro alla mano.

Ce lo spiegano i governatori Toti e Maroni che hanno firmato una lettera per il ministro del Rio, chiedendogli uno sforzo per finanziare il supertreno veloce Mi –Ge, che collegherà le due città del nord in un tempo da olimpiade: un’oretta, o giù di lì.  Roba da Usain Bolt ferroviere.…totti maroni2

“Milan l’è un gran Milan, varda lì el nebiun…” dice soddisfatto Roberto Maroni nella cabina di comando della “freccia padana”. Tra Milano e Genova, adesso in un’ora e una manciata di secondi.

E un giorno, chissà…

Ho viaggiato con Toti e Maroni dentro  le  modernissime carrozze verde blu della nuova freccia di Trenord che in un prossimo futuro, si parla a primavera, collegherà Genova a Milano. 6 corse al giorno: la focaccia al formaggio alla portata dei milanesi, a colazione.

Un porto sul mediterraneo raggiungibile in metropolitana. I genovesi dalla spiaggia catapultati a fare shopping nel quadrilatero.

“Via, più veloce della luce” commenta Maroni nella cabina di comando.

Accanto,  ha due  tecnici manovratori che tagliano la nebbia: lanciano il treno a 155 km orari,  velocità di crociera: ma sembra di galleggiare nella ovatta, tra Tortona e Pavia.

”Eccolo là, il lago di Milano” dice, e ferma il treno nella nebbia fitta, dentro alla  quale pare galleggiare la città lombarda. Siamo a uno svincolo che andrà in futuro modificato con opportune opere ferroviarie: un groviglio, un gomitolo di binari, Tortona.

totti maroni1

Chiedo a Toti come vorrà chiamare questa nuova freccia che collegherà in uno sputo di tempo le due regioni del nord.

“ Chieda a Roberto, non so…. forse la freccia padana” ammicca Toti.

E  gongola: “ Oramai Milano e Genova sono una unica grande città, che all’orizzonte si vede il mare, e se ci si volta, quando il cielo è azzurro, si vedono le Alpi.”.

Poi si appisola nelle comode poltrone del treno.

Un soffio di chilometri, ed è già Rogoredo. Un’ora e dieci minuti fa siamo partiti dalla stazione Principe di Genova.

Una metropolitana, non un treno.

Toti e Maroni, i macchinisti, i funzionari di Trenord, le segretarie, gli steward scendono in Centrale, li attende un set da cinema.

Centinaia di flash di fotografi, telecamere di reporter, ressa, curiosi,  la stampa zerbino allibita, qualche viaggiatore, turisti,  homeless, clandestini, borseggiatori, polizia. Nemmeno l’ombra di Pisapia. E’ in lutto. Lacrime di smog: forse sognava Milano Genova in bicicletta o con il car sharing..fotoreporter

”Si volti  Toti, si fermi, Maroni sorrida, ecco prendetevi sottobraccio, alt, avanti, indietro…fermi così….un sorriso” urla Maurizio Maule, reporter della Fotogramma, che si improvvisa regista. Sembra Cimino sul set di Cancelli del cielo.  Ma siamo solo nella realtà. Spintoni, grida, sgambetti tra i reporter che bazzookano raffiche di flash.

È   stata l’inaugurazione di un progetto. Prossima  fermata del metrò leggero Milano Genova: il futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.