Castello Sforzesco,  Festival dell’acqua: mostre, incontri, dibattiti

Cultura e spettacolo

Milano 27 Settembre – Più di cinquanta eventi per il Festival dell’acqua Milano, l’appuntamento che farà il punto una delle risorse più preziose del nostro Pianeta, non a caso chiamata “oro blu“.

Al Castello Sforzesco di Milano dal  5 al 9 ottobre 2015, il Festival dell’acqua ospiterà incontri, workshow e una mostra dedicata alle risorse idriche. Tante le questioni all’ordine del giorno: l’acqua per lo sviluppo del pianeta, sfide e risultati delle politiche europee, il fenomeno delle case dell’acqua, emergenze idriche e tutela del territorio, depurazione e infrazioni comunitarie.

Dopo essersi svolto a Genova nel 2011 e all’Aquila nel 2013, il Festival dell’acqua arriva anche nel capoluogo lombardo che sarà protagonista del dibattito nazionale e internazionale sulla gestione e il futuro del fattore idrico. Al centro dell’evento una grande domanda: come dissetare il mondo? A discuterne circa duecento relatori che parleranno di sostenibilità, nutrizione, equilibrio mondiale e della condizione nazionale del sistema idrico integrato.

Oltre alla parte scientifica, il festival ospiterà anche numerose iniziative di intrattenimento gratuite, come  incontri culturali, film, concerti, spettacoli in piazza e mostre, tra cui quella già in corso al Palazzo della Ragione di Edward Burtynsky (“Acqua Shock”) o  “Terra d’Acqua, terra di Risaia” dell’agenzia Contrasto presso la ex Fornace.

Un’anteprima del festival si terrà sabato 3 ottobre 2015 all’Auditorium Milano Fondazione Cariplo, dove l’attrice Lella Costa si esibirà in un monologo su un testo di Michele Serra. A seguire la prima esecuzione assoluta del “Concerto Straordinario sull’acqua” di Antonìn Dvorak – Vodnik, poema sinfonico op. 107 del compositore Fabio Vacchi, direttore Claire Gibault.

Il Festival dell’acqua si aprirà ufficialmente lunedì 5 ottobre con la Lectio Magistralis dell’ambasciatore Sergio Romano, dedicata al “Mediterraneo, da culla a Tomba della civiltà”. La giornata sarà dedicata anche ai progetti di cooperazione internazionale per i Paesi in via di Sviluppo e alla ricerca dell’acqua nel sistema solare. Tra gli ospiti l’astrofisico Leopoldo Benacchio, seguito da Massimo Gramellini con “Giusto lo Spazio di un caffè”.

Martedì 6 ottobre tra i protagonisti Philippe Daverio con un workshow sul ruolo dell’acqua nello sviluppo di Milano. All’interno del Castello Sforzesco inoltre saranno disposte installazioni e opere di Antonio Citterio, Patricia Viel, Ferruccio Laviani e Patricia Urquiola. Sempre martedì sarà sarà possibile assistere allo spettacolo “Il poema del Quarto Elemento”, ispirato ai versi di Jorge Luis Borges.

Gionata centrale del festival sarà mercoledì 7 ottobre con i  rappresentanti del governo e delle istituzioni, operatori finanziari e gestori che si confronteranno sui temi di attualità inerenti le risorse idriche. Tra i presenti il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, il presidente dell’Autorità per l’Energia Guido Bortoni, il vice ministro dell’economia, Enrico Morando, i vertici di Confindustria, Unicredit, BEI e Cassa Depositi e Prestiti,  gli Amministratori di MM, Gruppo CAP, ACEA, AMAP, AQP, IREN, SMAT e VEOLIA. Nel pomeriggio, l’analisi del dissesto idrico e delle emergenze sul territorio, con gli interventi del metereologo Luca Mercalli, dei giornalisti Gian Antonio Stella, Erasmo D’Angelis e del ricercatore CNR e divulgatore Mario Tozzi. A chiudere la giornata la conferenza-spettacolo “Fiume in trincea: la leggenda del Piave” con Aldo Cazzullo e Orso Maria Guerrini.

Leonardo da Vinci e il suo rapporto con l’acqua sarà invece al centro dell’incontro con il filosofo della scienza Giulio Giorello, in continuità con la mostra “Leonardo e l’acqua” in corso all’Acquario Civico. Nella stessa giornata si parlerà di Case e Chioschi dell’Acqua, un fenomeno culturale e sociale che sta prendendo sempre più piede in Italia.

A chiudere la manifestazione, venerdì 9 ottobre ancora dibattiti su acqua ed energia, sostenibilità economica del servizio e scelte politiche da parte degli enti locali, l’equilibrio tra diritto all’uso dell’acqua e garanzia del servizio idrico. Beppe Severgnini raccoglierà il testimone simbolico per la staffetta che vedrà la tenda dell’AcquaVillage diventare nelle settimane successive la sede di BookCity Milano.

(Milano Weekend)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.