DARSENA: Il mercatone Rozza è già in tilt

Approfondimenti

Milano 4 Settembre – Massimo controllo antireporter, nell’ex mercato comunale alla Darsena, ristrutturato con truciolato e pannelli che è  proprio il caso di dirlo, fanno acqua da tutte le parti.Vietato fotografare i lavori.

Come?

Non erano finiti? Le soprese arrivano con l’autunno.

E’ bastato un  innocuo temporale di fine estate per mandare in tilt il mercatone Rozza.  Scale ponteggi e transenne  ostruiscono le entrate.  E impediscono ai residenti di accedere ai loculi dove si vende cibo.

“Vede, hanno costruito  il mercato come  se si trattasse di un comune  padiglione dell’Expo, che si deve smontare dopo sei mesi ed ecco il risultato: una folata di vento, e le foglie di in antico platano della piazza  sono finite sul tetto di lamiera del mercato, hanno ostruito le grondaie e tutto si è inzuppato, abbiamo visto  colare acqua dal sofitto, e voilà,  stamattina tutto il tetto è venuto giù, e tutto è fermo” racconta una negoziante che si affaccia dal suo piccolo bancone.

Gli operai cercano di riparare il soffitto che si rivela di cartongesso fradicio…

Ma le soprese sono anche nella piazza: gru, ponteggi, scavatrici, camioncini delle ditte sub-appalatrici, e intorno vigilanza stretta della Polizia Locale.. Vietato documenare, testimoniare, fotografare.

I lavori vengono fatti in sordina,

Un operaio però racconta: “ hanno eseguito i lavori molto male, in modo approssimativo: è vero, hanno ricoperto la piazza di un bell’acciottolato, ma sotto hanno lasciato i fili della corrente vecchi di 50 anni, con il risultato che ora sono saltati, e a noi tocca ora divellere mezza piazza, sostituire i cavi vecchi con quelli nuovi. Che Pisapia se lo prenda in quel posto. Non potevano pensarci prima? sa quanto ci costa?”

No , i milanesi non lo sanno. Che ce lo dica la signora Rozza, testimonial del mercatone di cartongesso e lamiera.

IMG_3682

IMG_3680

IMG_3679

IMG_3678

IMG_3677

IMG_3675

IMG_3674 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.