Sloggiati i profughi per la festa PD, a Villapizzone invece latinos e Rom rimangono indisturbati.

Fabrizio c'è Milano

Milano 2 Settembre – Passeggiando per i Giardini Montanelli, mentre osservavo una Festa dell’Unità fortunatamente semideserta e quindi meno dannosa per il verde storico, mi sono posto una banalissima domanda.

Tutti quei ragazzi di colore, eritrei o somali, che per mesi ho visto sistemarsi per intere settimane con le loro mercanzie nei prati e nei cespugli del lato nord del Parco di Porta Venezia, al confine con i bastioni, dove son finiti? Rifugiati politici o clandestini in cerca di fortuna che siano, perché non si vedono più?

Mi sento di scartare l’ipotesi che siano riusciti a raggiungere le loro mete agognate del Nord Europa, dove peraltro li vogliono col contagocce. E allora? Qualcuno, gli avrà detto di girare alla larga con argomentazioni convincenti !

Allora bisogna concludere che quando serve al Partito Democratico, partito unico del potere in Italia, i responsabili delle Forze dell’Ordine sono in grado di liberare i parchi da presenze che spaventano taluni e che possono turbare altri.villapizzone-milano

Quando invece sono i cittadini a chiedere aiuto, come ad esempio in questi giorni a Villapizzone al Parco Testori, magari da mesi, perché non si riesce a far sloggiare accampamenti, gruppi e gruppuscoli di extracomunitari anche più violenti?

Misteri a cui sarebbe bello che qualcuno fra i responsabili della sicurezza rispondesse. Non a parole, ma con i fatti: allontanando le bande e magari impedendo alle gang di proseguire in tutte le illegalità che da mesi praticano.

Fabrizio De Pasquale, Consigliere Comunale di Forza Italia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.