Sulle pensioni anticipate, le ipotesi in campo

Approfondimenti Economia e Politica

Milano 28 Agosto – Una previsione è quanto mai scontata: il dibattito pubblico italiano dell’autunno avrà al suo centro l’argomento “pensioni”.

Fra i punti che potrebbe più interessare – dato che i vari aumenti dell’età pensionabile introdotti dalle ultime riforme hanno colpito al cuore moltissimi lavoratori – ci sarà senz’altro la possibilità di ottenere la pensione anticipata. Come e quando? Vediamolo di seguito.

Pensione anticipate: le ipotesi

In ogni modifica al sistema lavoro, la variabile è sempre la stessa, conosciuta da ognuno di noi: la necessità delle coperture economiche. Da questo punto di vista, tuttavia, l’eventuale introduzione di una pensione anticipata dovrebbe autofinanziarsi.

Come? E’ facilmente intuibile: la possibilità di lasciare il lavoro in anticipo sarà, in un modo ancora da precisare, proporzionale alla riduzione dell’assegno pensionistico. Prima lasci il lavoro, meno prendi, dunque.

Non è una novità: la riforma, con la decurtazione di una parte dell’assegno spettante, replicherebbe in maniera speculare quanto avviene già per chi decide di rimanere al lavoro più a lungo (e prende di più). La nuova “via d’uscita accelerata” potrebbe essere introdotta per le persone con età superiore ai 62 anni; ma non prendete come oro colato questa anticipazione: il limite di età è uno dei punti più dibattuti e in dubbio.

Altra ipotesi in ballo è la possibilità di concedere una sorta di “prestito pensionistico“, una specie di mutuo sul tempo guadagnato in uscita (evidentemente, in modo ancora non chiaro, da restituire).

Assegno pensionistico: di quanto viene tagliato

La domanda è spontanea: a quanto potrebbe ammontare il taglio degli assegni pensionistici “anticipatari” rispetto a quelli di chi si ritira con i requisiti standard?

Le prime ipotesi effettuate parlano di un taglio del 3% per ogni anno di anticipo rispetto all’età in vigore al momento di richiesta della pensione. Inoltre, per compensare il minore reddito percepito, i pensionati potrebbero usufruire del prestitosuddetto: sarebbe una possibilità in più per “sopportare” gli svantaggi del pensionamento precoce, per molti troppo onerosi viste le austerità del sistema contributivo.

In aggiunta a quanto richiamato sopra, sarebbe allo studio anche un reddito minimo garantito per chi si avvicinano all’età della pensione; stiamo parlando di una fascia di età particolarmente sensibile in caso di perdita dell’entrata lavorativa (la parola “esodato” vi dice nulla?).

Chiaramente, visto lo stato embrionale delle misure, non è possibile stimare quante persone potranno essere coinvolte, né precisare maggiormente le condizioni che subiranno, considerando la variabilità di anno in anno dell’età per richiedere l’anticipo. (Tg.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.