La Boldrini spende 40mila euro in lavanderia: nel dettaglio tutti gli sprechi della Camera

Approfondimenti Economia e Politica

Milano 23 Agosto – La spesa più bizzarra è indubbiamente quella che gli onorevoli deputati (a nostre spese) sosterranno per smacchiarsi i vestiti. Nel bilancio della Camera guidata da Laura Boldrini, approvato il 5 agosto, infatti, è iscritta una voce che parla chiaro: 40.000 euro per il servizio di lavanderia.

Una cifra incredibile, immaginando che le giacche e le cravatte (ormai se ne vedono poche) i deputati se le laveranno a casa. Ma non c’è solo questo. La relazione dei Questori e gli annunci della Presidenza parlano di un bilancio ridotto praticamente all’osso. Falso.

E’ vero che la “spesa prevista per il 2015 si riduce di 50,5 milioni di euro rispetto al 2014 (-4,87%)” e che si attesta sotto il miliardo di euro. Ma parliamo pur sempre di 986,6 milioni di euro. Ed è anche vero che i soldi che lo Stato da qui al 2017 dovrà sborsare sono “solo” 943,16 milioni di euro all’anno, come è corretto dire che nel 2015 saranno restituiti al bilancio dello Stato 34,7 milioni di euro, che dal 2012 i deputati hanno fatto risparmiare allo Stato sono 223 milioni di euro.

Ma le voci in cui si annidano sprechi e spese incomprensibili sono ancora eccessive. Troppe e con troppi soldi gettati al vento. Vediamoli, partendo dallo spreco più eclatante.

La Camera può vantare il possesso di un meraviglioso palazzo sorto “in epoca paleocristiana nel cuore del Campo Marzio”. Un gioiello, e come tale costa parecchio per la manutenzione. Per la precisione 1milione e 140mila euro per il supporto operativo nella sede di Vicolo Valdina.

Per cosa vengono spesi? Basta andare a leggere nel bando di gara. L’appalto è di durata triennale e l’azienda vincitrice deve assicurare, tra le altre cose, la “movimentazione, anche tramite carrello, di plichi, faldoni, risme di carta, cancelleria, etc.”, poi “l’accoglienza e l’accompagnamento ai piani dei frequentatori della sede” e “‘esecuzione di attività diriproduzione fotostatica o fascicolazione di documenti”. Insomma, più di un milione di euro per fare fotocopie, trasportare faldoni e recapitare la “corrispondenza e di ulteriori materiali”. Per questo particolare compito, il bando precisa che i funzionari dovranno assicurare il “ritiro e la consegna della corrispondenza all’interno del Complesso e tra il Complesso e tutte le altre sedi della Camera dei deputati (…) e il recapito, con idonei mezzi di trasporto, della corrispondenza dei deputati tra il Complesso e le sedi degli altri organi costituzionali e dei ministeri ubicate nel comune di Roma”.

C’è da chiedersi quali siano gli “idonei mezzi di trasporto”, considerando che tra Palazzo Montecitorio e Vicolo Valdina, dove è sito il complesso, ci sono appena 350 metri. Fatti a piedi signficano circa 4 minuti (diciamo 5 in caso di pioggia), che diventano 6 se fatti in auto. E considerare che la Camera già spende 1.660.000 euro per “trasporto e facchinaggio”.

Tra le spese, va detto, ci sono anche quelle per il servizio di guardaroba. Un altra di quelle voci di spesa della Camera che sembrano eccedere la logicità: nel bilancio sono stati previsti 150.000 euro per tenere a bada cappotti e cappelli dei deputati.

Per non parlare poi delle spese di pulizia. Laura Boldrini, evidentemente attenta al pulito, si è assicurata una spesa di 6milioni e 550mila euro per l’igiene. Precisamente: 40.000 andranno alla lavanderia, 6.100.000 all’impresa di pulizie e 410.000 per lo smaltimento dei rifiuti.

Altro punto poco chiaro riguarda le capacità poliglottiche degli onorevoli. I corsi di lingua, infatti, sono tutti a carico dei contribuenti: 300.000 euro nel 2015, cui va aggiunto il residuo di quelli ancora non pagati nell’anno passato, che ammontano a 295.113,70 euro. In totale quasi 600mila euro in docenti di inglese e di informatica. La cosa più curiosa, poi, è che evidentemente queste lezioni non danno i frutti sperati. O almeno non fino in fondo. Le tasse degli italiani, infatti, vanno a coprire anche le spese per “traduzioni e interpretariato“. Che, sommando tutti i casi in cui vengono citate, si parla di 515mila euro.

Andiamo oltre. Ogni anno vanno in fumo circa 35mila euro per sostenere la commissione che indaga (ancora) sulla morte di Aldo Moro e 340.000 euro per finanziare vari ed eventuali “convegni e conferenze”.

Tralasciando poi i 63 milioni di “rimborso delle spese sostenute dai deputati per l’esercizio del mandato parlamentare” (sul quale spesso ricadono enormi dubbi per il modo in cui vengono utilizzati) ci sono ulteriori 15 milioni e 910mila euro legati a spese non specificate, ma inserite in generiche voci chiamate “altre” o “accessorie”.

Infine, spuntano anche i 90.000 euro che ogni contribuente contribuirà a versare per permettere ad una commissione speciale di assicurarsi che i profughi abbiano tutto quello che gli occorre nei vari c’entri d’accoglienza sparsi per l’Italia. Una spesa di cui, sinceramente, non si sentiva il bisogno.

Giuseppe De Lorenzo (IL Giornale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.