Cgia: paghiamo i rifiuti a peso d’oro, rincari fino al 25%

Economia e Diritto Notizie in evidenza

Milano 20 Agosto – Tra il 2010 e il 2015 una famiglia con 4 componenti che vive in un casa da 120 mq ha subìto un aumento della tassa rifiuti del 25,5%, pari a 75 euro in più, e quest’anno dovrà versare al proprio Comune 368 euro di Tari. A rilevarlo è uno studio della Cgia di Mestre, secondo cui per le attività economiche va anche peggio, con un rincaro medio del 47,4%, (+1.414 euro).

Una famiglia di 3 componenti, che abita in un appartamento da 100 mq, secondo la Cgia, ha invece subito un aumento del 23,5% (+57 euro). Nel 2015 dovrà versare quasi 300 euro. Un nucleo di 3 persone che risiede in un’abitazione da 80 mq, invece, ha dovuto pagare il 18,2% in più (+35 euro). In questo caso, l’importo complessivo che dovrà pagare per i rifiuti sarà pari a poco più di 227 euro.

Per le attività economiche, le cose sono andate anche peggio. Nonostante la forte riduzione del giro d’affari, ristoranti, pizzerie e pub con una superficie di 200 mq hanno subito un incremento medio del prelievo del 47,4%, pari, in termini assoluti, a +1.414 euro.

Un negozio di ortofrutta di 70 mq, invece, ha registrato un incremento del 42% (+ 560 euro), mentre un bar di 60 mq ha dovuto versare il 35,2% in più, pari ad un aggravio di 272 euro. Più contenuto, ma altrettanto pesante, l’aumento subito dal titolare di un negozio di parrucchiere (+23,2%), dai proprietari degli alberghi (+17) e da un carrozziere (+15,8).

Questi risultati, sottolinea la Cgia, sono stati ottenuti dopo aver preso in esame le tariffe sui rifiuti applicate alle famiglie e alle imprese nei principali Comuni capoluogo di regione. (Tg.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.