Poste: ticket sul cellulare e un avviso quando arriva il turno

Economia e Diritto

Milano 10 Agosto – Fare la coda alla posta senza mettere piede nell’ufficio postale. È possibile in dieci uffici postali di Milano nei quali è in funzione da qualche giorno «Ufficio Postale», la nuova app (gratuita per iOs e Android) di Poste Italiane.

Il servizio, che piacerà molto a chi non ama i tempi morti, è utilizzabile anche da chi non è titolare di un conto BancoPosta, e non occorre neppure registrarsi con nome utente e password. Funziona così: si scarica la app, che geolocalizza il cellulare e individua gli uffici postali più vicini nei quali il servizio è attivo. L’utente sceglie dalla mappa l’ufficio, poi seleziona l’operazione che deve fare – ad esempio la spedizione di un pacco – e scopre in tempo reale quante persone sono in coda. Se il numero dei clienti è superiore a 10, può cominciare a prendere il biglietto anche se in quel momento si trova dall’altra parte della città, semplicemente selezionando dal menu la voce «richiedi ticket».

Il biglietto virtuale con il numerino per la coda, identico a quello di carta, viene visualizzato sulla tastiera. Una volta entrati fisicamente nell’ufficio postale basterà mostrarlo all’operatore allo sportello quando arriva il proprio turno.

Non solo: dopo aver scaricato il numerino, sarà la stessa app ad aiutarci a non perdere il nostro turno: ci invierà degli avvisi, sotto forma di notifiche push, quando ci saranno solo dieci persone davanti a noi.

Un bel modo per evitare le lunghe attese negli uffici postali, senza rischiare però di perdere il proprio turno. La nuova app è attiva, per il momento, in dieci uffici postali di Milano: via Paolo da Cannobbio, via Urbano III, via Carducci, largo Corsia dei Servi, via San Simpliciano, via Marcona, via Lomazzo, piazza Napoli, via Rubens e via Monte Ceneri. Lo stesso servizio è stato introdotto in questi giorni anche in altre città italiane, da Roma a Napoli, da Torino a Palermo e Venezia.

La app «Ufficio postale» offre anche altri servizi: oltre a vedere in una mappa gli uffici più vicini, è possibile pagare i bollettini e tracciare le spedizioni.

 Giuliana De Vivo (Il Giornale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.