Ecco, paese per paese, la mappa Ue del “Pil cattivo”

Economia e Politica Esteri

Milano 14 Ottobre –  C’è un Pil “cattivo”, che misura il valore economico di droga, prostituzione e contrabbando. Finora ignorato dalle statistiche ufficiali, con le regole entrate in vigore a settembre concorre a pieno titolo alla formazione della ricchezza nazionale. Ecco la mappa Paese per Paese.

1) Italia – Ben 15,5 miliardi di euro, pari allo 0,9% del Pil. L’Italia condivide con la Spagna il primato dell’impatto delle attività illegali sulla performance economica. Da sola la commercializzazione della droga, calcolata dall’Istat a partire dai consumatori tra 15 e 64 anni, miglior i conti di 10,5 miliardi. La prostituzione vale 3,5 miliardi, mentre il valore stimato delle attività di contrabbando è pari a 300 milioni.

2) Spagna – Va a braccetto con l’Italia. Qui l’economia illegale vale lo 0,87% del Pil: ben 9,4 miliardi. In testa è il traffico di droga: da hashish, cocaina, eroina, ectasy, anfetamine e Lsd arriva un contributo di mezzo punto di Pil. La prostituzione invece rappresenta lo 0,35 per cento.

3) Olanda – I coffee shop sono uno dei fiori all’occhiello dell’economia olandese. Lo dimostrano i dati dell’Ufficio nazionale di statistica. Il valore aggiunto stimato per il mercato della cannabis è di ben 1,03 miliardi. Complessivamente la voce “attività illegali” fa crescere il Pil, in termini di valore aggiunto, di 2,63 miliardi.

Tra gli altri stupefacenti seguono l’eroina, con un mercato triplo rispetto a quello dell’ecstasy: 317 milioni contro 103 miliardi di ricchezza nazionale. La prostituzione viene invece stimata 540 milioni. L’Ufficio di statistica olandese indica ai raggi X le vari voci di finanziamento dell’economia illecita, dove spicca anche il traffico di merci rubate (279 milioni) e quello delle scommesse (171 milioni).

4) Gran Bretagna – Droga e prostituzione danno una mano al Pil britannico per 10,5 miliardi di euro, pari allo 0,7% in più. Più di tre quarti del “bottino” (8,4 miliardi di euro) provengono dal mercato della droga. L’Ons, l’Ufficio nazionale di statistica, ha aperto un faro su sei sostanze stupefacenti: crack, cocaina, eroina, cannabis, ecstasy e anfetamine. La quota restante deriva dalla prostituzione.

5) Francia – La Francia non segue alla lettera le prescrizioni del Sec 2010 e si limita a stimare il mercato degli stupefacenti che vale circa 2 miliardi, lo 0,1% del Pil. Nel Paese la prostituzione è legale ma non lo sfruttamento. Così i ricavi derivanti dall’attività esercitata in un contesto legale ma non dichiarati vengono inclusi da tempo nel calcolo del sommerso. L’Insee, l’ufficio di statistica parigino, non considera la prostituzione clandestina.

6) Germania – Anche la Germania, come la Francia, si appella al proprio codice statistico per non seguire alla lettera i dettami del Sec 2010. L’unica stima diffusa è quella che riguarda il mercato della droga che vale 1,52 miliardi, lo 0,1% in più per il Pil del Paese che non è immune ai rischi di recessione.

Qui – sottolineano dall’Istituto di statistica – la prostituzione non è proibita e le stime sull’impatto di questo mercato sono già incluse nel Pil, mentre il contrabbando di alcol e sigarette «non ha un impatto economico dati i prezzi relativamente bassi».

7) Polonia – In Polonia il Pil “cattivo” vale di più di quello “buono”: il mercato delle attività illegali frutta infatti al Paese 3,1 miliardi di euro contro il magro assegno da 2,3 miliardi staccato per la Ricerca e lo Sviluppo. Il traffico di droga contribuisce al calcolo della ricchezza per 2,3 miliardi di euro, la prostituzione porta a una crescita di 157 milioni, mentre la parte restante deriva dal contrabbando.

8) Belgio – Le attività illegali fanno crescere il Pil belga dello 0,36% del Pil. La fetta di mercato più consistente è quella della droga che vale lo 0,25% , pari a 903 milioni di euro. Le stime sono state realizzate sulla base di cinque tipi di droga: cannabis, ecstasy, anfetamine, cocaina ed eroina). La prostituzione volontaria non è illegale in Belgio. Secondo la Banca nazionale del Paese, che elabora questo tipo di statistiche, il mercato vale 305 milioni.

9) Austria – L’Austria calcola l’impatto delle attività illegali sul Pil già dal 2008. Per il 2013 il valore aggiunto stimato è di circa 460 milioni, pari allo 0,15% del Pil. L’Ufficio di statistica non scorpora però i dati e precisa che la stima include il traffico di droga, il contrabbando e la prostituzione illegale.

10) Svezia – La Svezia è stata la pioniera del calcolo dell’impatto delle attività illegali sul Pil. Le prime stime sperimentali risalgono infatti al 2005. Secondo l’Ufficio di statistica di Stoccolma le attività fuorilegge valgono lo 0,17% del Pil pari a 5,3 miliardi di euro. Circa la metà del giro d’affari deriva dalla droga, ma nella ricognizione vengono considerati anche il contrabbando di alcol e il mercato delle scommesse. Nel Paese è illegale comprare servizi sessuali ma non è illegale venderli. La prostituzione vale 572 milioni.

Chiara Busi ( Il Sole 24 Ore)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.