La morte di Noa Pothoven è un’accusa alla civiltà e a tutti noi

“Il mio corpo è sporco”, ma nessuno osi giudicare o, peggio, condannare Noa Pothoven, vittima di tre stupri, a 17 anni, in Olanda. “Il mio corpo è sporco”, raccontava. Per sintetizzare un mal di vivere che non aveva fine, per aver curato inutilmente le ferite, il sopruso, la violenza. Un corpo che testimoniava l’incapacità di […]

Leggi tutto