Pet Frendly

Giornata Mondiale del Cane in Ufficio | Da Mars il manuale per rendere i propri uffici pet-friendly

Zampe di velluto

Forte di oltre 10 anni di esperienza, il gruppo Mars mette a disposizione di aziende, enti e associazioni una guida per creare un ambiente di lavoro in cui gli amici a quattro zampe siano benvenuti

Al centro una pet policy con linee guida chiare sui requisiti per gli animali domestici e le responsabilità dei loro proprietari, di modo che dipendenti e pet possano trarre il massimo beneficio dalla “convivenza”

Per un’azienda, avere degli uffici pet friendly è una pratica che porta vantaggi sia ai dipendenti che al business. Secondo i lavoratori, infatti, migliorerebbe l’umore dell’ufficio (47%), diminuendo lo stress (42%) e favorendo le occasioni di scambio con i colleghi (40%). Al tempo stesso, stimolerebbe la creatività dei lavoratori (31%) e ne favorirebbe la produttività (27%). Sono questi alcuni dei motivi che spingono la metà delle persone che lavorano in ufficio e possiedono un cane (48%) a ritenere che le aziende dovrebbero organizzarsi a tale scopo.[1]

In occasione della Giornata Mondiale del Cane in Ufficio, che si celebra il 21 giugno, il gruppoMars – che in Italia è rappresentato dalle aziende Mars, Royal Canin e AniCuraeda oltre 10 anni accoglie nei propri uffici gli animali domestici – mette a disposizione delle imprese la propria esperienza, attraverso il manualePet friendly office: Teoria e pratici consigli per ospitare al lavoro gli amici a quattro zampe”. Lo strumento, che si rivolge ad aziende, enti, associazioni e spazi di co-working, si propone di guidare il percorso di sviluppo di procedure interne e linee guida – grazie a suggerimenti ed esempi concreti – per gestire al meglio il proprio ufficio pet friendly, così che dipendenti e ospiti possano portare i propri pet al lavoro nel rispetto degli ambienti e delle persone presenti, e con la massima sicurezza.

Come può un’azienda rendere i propri uffici pet friendly? E’ necessario seguire attentamente alcuni semplici step, per assicurarsi che l’ambiente lavorativo sia piacevole sia per i pet che per i dipendenti:

  1. Coinvolgere (e convincere) i dirigenti

Una fase cruciale del lancio di un programma di ufficio pet friendly riguarda l’approvazione da parte dei dirigenti. Sarà necessario essere in grado di mostrare i vantaggi attesi del programma per l’organizzazione e per i dipendenti.

  1. Formare un piccolo team incaricato di redigere una pet policy

E’ necessario accertarsi che nel team di lavoro vi siano persone – favorevoli e non alla presenza dei pet sul luogo di lavoro – afferenti a diverse aree dell’organizzazione, per garantire la rappresentanza di tutte le esigenze.

  1. Istituire una pet policy

Il successo del programma dipende dall’accettazione, da parte di tutti i soggetti coinvolti, di linee guida chiare sui comportamenti e sulle responsabilità. La pet policy dovrebbe includere:

  • Requisiti dei pet: gli animali dovranno essere in regola con le vaccinazioni, esenti da malattie infettive o parassiti, puliti e ben toelettati, abituati a non sporcare in casa, obbedienti, ben socializzati e microchippati.
  • Responsabilità dei pet parent: i proprietari dovranno essere responsabili, al 100%, delcomportamento, del benessere, dell’igiene e della felicità dei loro pet durante la permanenza in ufficio, assicurandosi che la loro presenza non interferisca con il comfort o la capacità degli altri dipendenti di svolgere il proprio lavoro.
  1. Comunicare il programma internamente (ed esternamente)

Comunicare internamente il programma dell’ufficio pet friendly, dalla pianificazione fino all’implementazione, è di fondamentale importanza per portare a bordo tutti i dipendenti.Questo includerà la divulgazione degli aspetti logistici ma anche di informazioni utilia suscitare entusiasmo. Una volta che la pratica sarà consolidata, si può valutare la possibilità di sviluppare un piano di comunicazione esterna a supporto della visibilità del progetto al di fuori dell’azienda.

“In Mars ci impegniamo nella creazione di “A Better World for Pets”: i nostri amici a quattro zampe arricchiscono le nostre vite ed è nostra responsabilità rendere gli spazi che viviamo a loro misura. – ha dichiarato Yesim Ucelli, Amministratrice Delegata di Mars Italia e General Manager della regione Mars Sud Europa“Questo include anche i luoghi di lavoro. E’ provato che la presenza dei propri pet in ufficio porti a benefici tangibili per imprese e dipendenti. Attraverso queste linee guida vogliamo mettere a disposizione delle altre organizzazioni l’expertise che abbiamo sviluppato nel corso degli anni, puntando a stabilire uno standard elevato per gli uffici pet friendly, assicurandoci che tutti possano beneficiare della presenza dei loro amici a quattro zampe in modo sicuro e responsabile”.

L’impegno di Mars va ben oltre gli uffici: attraverso il programma “Better Cities for Pets”, l’azienda mira a rendere le città più pet friendly. Concentrandosi su quattro diverse aree di interesse – rifugi, case, parchi e aziende – questo progetto si pone l’obiettivo di creare spazi adatti alle esigenze degli animali domestici e dei loro proprietari, permettendo a più persone di beneficiare di una vita in stretta armonia con i loro animali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.