Ritrovato uno stornello garibaldino: in prima mondiale a Parabiago

Cultura e spettacolo Video

Nella chiesa settecentesca di sant’Ambrogio alla Vittoria, va in scena il Risorgimento. Con una chicca scovata  dal duo  Sonia Vettorato e Giovanni Raineri, che abitualmente propongono nei loro concerti itineranti l’immortale repertorio operistico italiano.

Nel concerto che ha seguito le celebrazioni ufficiali del 2 giugno, ecco la prelibata sorpresa musicale. Uno struggente stornello ottocentesco, composto dall’allora aiutante di Giuseppe Garibaldi, il letterato  Francesco Dall’Ongaro, rivoluzionario, carbonaro, poi fuoriuscito,  esiliato, combattente nella Repubblica Romana, prolifico autore di drammi storici. Una canzone dimenticata che ci ricorda l’avventura dei Mille attraverso una storia d’amore tra un garibaldino e la sua bella che sta a Pisa.

Sonia Vettorato, pianista di fama, ha scovato lo stornello, ormai dimenticato,  ma popolare nell’800  e cantato dai garibaldini  durante la Repubblica Romana: il reperto musicale giaceva nei voluminosi scritti del letterato Dall’Ongaro,  professore di letteratura drammatica a Firenze e a Napoli:  e la musica?  Struggente, malinconica,  uno stornello , un serenata d’amore che un garibaldino in partenza per l’avventura dei Mille  (forse lo stesso compositore) canta alla sua amata.

La musica ha un padre nobile: è di Michele Novaro, autore  dell’Inno nazionale, genovese, amico di Mameli , autore  di molti canti patriottici e organizzatore di  varie raccolte di fondi per finanziare e sostenere le imprese di Giuseppe Garibaldi. Singolare  la vita di Novaro; tornato a Genova, dopo l’avventura dei Mille,  fra il 1864 e il 1865 fondò una Scuola Corale Popolare, ad accesso gratuito, alla quale dedicò tutto il suo impegno. Morì in disparte, il 20 ottobre 1885, tra difficoltà finanziarie e problemi di salute. Per iniziativa dei suoi ex allievi, gli venne eretto un monumento funebre nella sua città natale nel cimitero monumentale di Staglieno, accanto alla tomba di Giuseppe Mazzini.

E Dall’Ongaro, l’autore del testo? Drammaturgo, librettista, professore  di letteratura derammatica, oggi è ricordato soprattutto per i suoi stornelli risorgimentali e rivoluzionari, un cantautore impegnato nel sociale, oggi si direbbe.

 Il tenore Giovanni Raineri, molto conosciuto in Germania  quale ambasciatore del bel canto italiano e alla vigilia di un suo tour a Las Vegas,  si è subito  preparato per l’esordio. Mattinata del 3 giugno: una prima mondiale assoluta in un concerto di arie operistiche a Parabiago. “ Bello essere italiani, bello essere a Parabiago” ha commentato l’assessore al bilancio Mario Almici che ha presentato il concerto. L’hinterland, la proficua  provincia lombarda ci ha  regalato qualcosa di magico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.