Tentato omicidio per gelosia, Polizia arresta due complici

Cronaca

La Polizia di Stato di Milano, coordinata dalla Procura della Repubblica, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due italiani 29 e 34 anni ritenuti responsabili di tentato omicidio per un episodio avvenuto lo scorso 13 novembre in piazza Bonomelli. I due indagati, secondo quanto ricostruito dai poliziotti della Sezione Investigativa dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura milanese, si sarebbero resi complici del tentato omicidio commesso da un italiano di 33 anni nei confronti di un egiziano 35enne per motivi di gelosia, in quanto il 33enne era l’ex fidanzato dell’attuale compagna della vittima. Il primo intervento effettuato dagli agenti delle volanti della Questura permise di ricostruire i fatti tramite le dichiarazioni della vittima e di alcuni testimoni: il 33enne, con la complicità del 29enne e del 34enne, mosso da gelosia, esplose due colpi di arma da fuoco in direzione del 35enne egiziano, attuale compagno della sua ex fidanzata, colpendolo alla coscia destra. La vittima fu poi trasportata all’ospedale Fatebenefratelli mentre i tre fuggirono facendo perdere le proprie tracce. L’autore del gesto, poco dopo, contattò il centralino del Commissariato Mecenate per costituirsi e venne raggiunto e arrestato dai poliziotti delle volanti presso l’abitazione dei genitori con i quali, non mostrandosi pentito, si era vantato dell’azione da poco compiuta. La complicità dei due indagati, di cui uno è il cugino del 33enne, spiegano gli inquirenti, è avvalorata dal fatto che, tramite l’analisi dei sistemi di videosorveglianza delle vie limitrofe a dove è successo il fatto, i poliziotti hanno verificato come i tre abbiano fornito supporto logistico per l’agguato. Inoltre hanno assicurato al 33enne una rete di protezione e supporto dopo l’agguato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.