Valori immobiliari saliti solo a Milano in Italia. L’andamento nelle grandi città

Milano

Negli ultimi 10 anni l’unica città italiana nella quale i valori immobiliari sono aumentati è stata Milano, nella quale il costo delle abitazioni è salito dell’11,5%. È quanto emerge da un’analisi diffusa questa mattina dall’ufficio studi di Tecnocasa, che ha analizzato e messo a confronto l’andamento dei prezzi delle abitazioni nelle grandi città italiane negli ultimi 10 anni. Se per Milano si può parlare di crescita, per gli altri centri urbani si devono analizzare le perdite più o meno contenute. “Posto 100 il prezzo medio degli immobili nel 2011, l’unica città che guadagna valore negli ultimi dieci anni è Milano che nel 2021 si attesta a 111,5, guadagnando quindi l’11,5%. Milano tocca il suo minimo nel 2016 quando arriva a 80,2, per poi risalire velocemente fino ad arrivare al 111,5 del 2021”, precisa l’analisi.

Discesa contenuta al 7,5% e 7,9% a Bologna e Firenze

Bologna e Firenze, secondo l’ufficio studi di Tecnocasa, tra il 2011 ed il 2021 hanno perso solo il 7,5% e il 7,9% del proprio valore. “Bologna tocca il suo minimo nel 2015 quando arriva 69,5, per poi recuperare negli anni successivi fino ad arrivare al 92,5 del 2021. Più contenuto il ribasso di Firenze che tocca il suo minimo tra il 2014 e il 2015 arrivando a 82,8 per poi risalire fino al 92,1 del 2021. Anche Verona evidenzia un trend in ripresa, con il valore minimo registrato nel 2015 (75,2) e poi prezzi in costante crescita fino ad arrivare a 84,4, perdendo in 10 anni solo il 15,6%”, prosegue il report.   

Perdite maggiori a Genova e Torino

La città nella quale i valori immobiliari sono scesi maggiormente è Genova, che nel 2021 registra un prezzo medio di 45,6 (che è anche il minimo storico negli ultimi 10 anni), con una contrazione del 54,4% del proprio valore. Lo studio di Tecnocasa segnala al penultimo posto Torino, dove in 10 anni i prezzi sono diminuiti del 35,6%. “In questo caso, il punto più basso si registra nel 2020 (62,9), mentre nel 2021 si evidenzia un recupero dei prezzi che salgono a 64,4”. Non va molto meglio a Roma che, rispetto al 2011, ha registrato un ribasso dei valori del 31,5%. “Il punto più basso dei prezzi della Capitale si registra nel 2020 (68,0), con un lieve recupero dei valori nel 2021 (68,5) – conclude -. Palermo i valori raggiungono il minimo nel 2020 (71,0), a Bari nella prima parte del 2020 (66,3), mentre a Napoli nel 2016 (65,9)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.